“Io non aderisco a quell’idea politica per cui bisogna fare tutto per liberarsene. Allora, siccome bisogna liberarsene, la regaliamo al primo acquirente che passa . Non aderisco a quell’idea politica. Quindi chi ha fretta di regalare quello stabilimento al primo che passa faccia pure, ma quella fretta non risiede in questo Governo”. Così il ministro dello Sviluppo e del Lavoro, Luigi Di Maio, al termine del tavolo Ilva. “Io voglio vederci chiaro fino alla fine – ha aggiunto – Mi sono letto 23 mila pagine e avevo ragione perché ho trovato delle criticità”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caccia al nero, 11 casi in 50 giorni. Salvini non può liquidare il razzismo con una battuta di quarta categoria

next
Articolo Successivo

Daisy Osakue, la telefonata di Conte: “Governo condannerà sempre il razzismo. Salvini razzista? Chi lo pensa si sbaglia”

next