Avvelenato. Così è morto Kaos, pastore tedesco che era stato impegnato nel salvataggio delle persone durante i giorni del terremoto in Centro Italia. “Hanno ucciso il cane eroe di Amatrice, Norcia, e Campotosto. Kaos salvava gli umani, gli stessi umani che lo hanno avvelenato” fa sapere in una nota Rinaldo Sidoli, responsabile comunicazione della onlus Animalisti Italiani, presieduto da Walter Caporale. “Il corpo senza vita del pastore tedesco – prosegue – è stato trovato da Fabiano Ettorre, il suo istruttore, nel giardino di casa a Sant’Eusanio Forconese, comune in provincia dell’Aquila. Kaos era stato determinante di recente nel ritrovamento di un uomo di Roio, di cui si erano perse le tracce”.

“Era un salvatore avvezzo a scavare tra macerie e inferno – conclude l’animalista -. Chi ha posto fine alla sua vita in questa maniera è un criminale pericoloso che va fermato. Non ci daremo pace fino a quando non verrà fatta giustizia. Credo che sia arrivato il momento che l’indignazione delle persone sensibili spinga il mondo politico a lavorare in maniera trasversale su una nuova proposta di legge che preveda pene più severe per chi maltratta e uccide gli animali. Non si devono più verificare casi come questo. Serve urgentemente un rafforzamento sulla tutela degli animali a partire da una modifica del codice civile e penale. Il Parlamento deve prendere provvedimenti contro i casi di maltrattamento e animalicidio e rivedere le norme attualmente in vigore”.

Ettore, ieri, aveva lanciato un allarme su Facebook perché non ritrovava il suo cane. Poi in due altri post la rabbia per l’assassinio di Kaos e la rassegnazione: “Corri amico mio corri non ti fermare un giorno ci abbracceremo nuovamente“. “Non ho parole, non riesco a comprendere un atto così orribile  – dice ora in lacrime Ettorre – Era vivo almeno fino alle due del mattino, perché a quell’ora l’ho sentito abbaiare”. Ancora sconvolto deciderà oggi se sporgere denuncia per l’accaduto. “Per Kaos tenevo la porta di casa sempre aperta – aggiunge Ettorre – una porta che non riesco ancora a chiudere perché spero di vederlo rientrare“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Papa Francesco: “Rotte utilizzate anche da trafficanti e sfruttatori per reclutare le vittime della tratta”

next
Articolo Successivo

Lo sciatore scomparso sul Cervino ha un nome: si chiama Henri Le Masne, mistero risolto oltre mezzo secolo dopo

next