“Gli italiani mi hanno detto di cominciare a licenziare il Jobs Act, io non voglio fare il ”Jobs Act 2, la vendetta“, perché è bastato il primo che ha massacrato le famiglie”. Così Luigi Di Maio, vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, in merito alle possibili modifiche al decreto dignità, in arrivo alla Camera.
“Dall’iter parlamentare credo che ne uscirà un decreto 2.0 rafforzato perché stiamo inserendo centinaia di milioni di euro l’anno di incentivi agli imprenditori per assumere con contratti a tempo indeterminato”, ha rivendicato il ministro. Per poi garantire tempi certi per l’approvazione, prima della pausa estiva dei lavori parlamentari: “Slittamento di una settimana? Tutto procede secondo cronoprogramma, non ci sarà bisogno della fiducia“, ha detto Di Maio.
Lo scontro con i sindacati però resta sul tema dei voucher, con la Lega che spinge per una maggiore estensione del provvedimento e la possibilità di un allargamento per i settori dell’agricoltura e del turismo, come rivendicato pure dal ministro leghista Centinaio. “La norma sui voucher non permetterà nessun tipo di abuso. Da capo politico del M5s garantisco che non voteremo nessun emendamento che vuole far sfruttare i ragazzi. La norma riguarderà solo determinate persone e categorie, sotto una soglia di dipendenti e oraria, e non c’è nulla a che vedere con i voucher che sfruttavano le persone”, ha però assicurato Di Maio. Ma i sindacati restano all’erta: “Non c’è alcun motivo per ripristinare i voucher nell’agricoltura, nel turismo e negli enti locali”, ha spiegato Luigi Sbarra (Cisl). “Qualcuno dovrà parlare a se stesso. E vedere se quello che sta facendo è in linea con quanto detto un anno fa sui voucher”, ha protestato anche Tania Scacchetti (Cgil).
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Air Force Renzi, il premier Conte: “Stop al contratto da 150 milioni per l’Airbus”. Toninelli scrive ai commissari di Alitalia

prev
Articolo Successivo

Andrea Mura, il M5s espelle il deputato-velista: “A casa chi non segue le regole”

next