Il ricatto online non è na novità, ma questa volta non si tratta di donne che fanno spogliare uomini che poi riprendono durante chat, ma un vero e proprio piano d’assalto organizzato. Un numero imprecisato di mail sono state spedite in tutta Italia a imprenditori e figure istituzionali per tentare una estorsione: “Paga o sveliamo video di te mentre guardi i porno” il testo della lettere. Dalle pagine del Corriere però arriva un appello di Nunzia Ciardi, direttrice della Polizia Postale: “Non pagate perché tanto non servirebbe a fermare la minaccia. Stiamo intervenendo con indagini mirate, ma è importante sapere che cedere al ricatto può soltanto aumentare la pressione di questi criminali”.

“L’offerta ‘non negoziabile’ è stata inviata via mail a centinaia di indirizzi. Si tratta di un vero e proprio ricatto a imprenditori, vertici di aziende pubbliche e private, figure istituzionali, professori universitari – si legge nell’articolo del Corriere della Sera-. Per tutti lo stesso messaggio: abbiamo la tua password, siamo pronti a mandare ai tuoi ‘contatti’ mail o social un video mentre guardi un film porno se non verserai 2.900 dollari in bitcoin. In realtà per alcuni la richiesta è arrivata fino a 5.000 dollari, sempre in criptomoneta”. Nell’ultima settimana la polizia postale è stata bersagliata da segnalazioni e denunce secondo quanto riferisce il Corriere della Sera. “L’ipotesi più probabile – chiarisce Ciardi – è che le password siano state rubate grazie alle operazioni di pirateria informatica compiute nei mesi scorsi. Questi ‘pacchetti’ di dati sensibili sono stati poi venduti sul dark web'”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

25 luglio, 75 anni dopo la caduta di Mussolini è ancora “pastasciutta antifascista” in più di cento città

prev
Articolo Successivo

Legionella, donna muore a Bresso: è la terza vittima. 24 i contagi: “Nessun batterio in acquedotto, test nelle case”

next