Leone non si battezza. (Grazie al cielo) siamo atei. Chiara Ferragni e Fedez hanno deciso così ed è scoppiato il putiferio online. A poco più di un mese dal matrimonio più atteso d’Italia è bastata la battuta detta dal rapper milanese – “Il battesimo di Leone? Il 30 febbraio, ovvero mai” – e i follower si sono rivoltati. Vere e proprie giaculatorie da predicatori mediatici che fanno davvero spavento, guardate il profilo Instagram di Fedez per credere, tanto che il cantante è dovuto intervenire con un video apposito.

“Abbiamo deciso di pubblicare le foto della nostra famiglia senza pixellare le foto di nostro figlio come fosse un collaboratore di giustizia perché tanto non avrebbe avuto molto senso vista l’esposizione mediatica a cui siamo sottoposti”, ha spiegato Fedez. “Se un bambino viene esposto mediaticamente da una coppia che inevitabilmente è già esposta mediaticamente (quindi, per la proprietà transitiva, lui stesso sarà esposto mediaticamente) ci si indigna, però quando lasci il libero arbitrio a un bambino e non lo battezzi, ci si indigna lo stesso”. Poi chiosa, confermando la propria scelta: “È tutta una questione di punti di vista. Per chi vede il bicchiere mezzo vuoto siamo una famiglia che ha costruito suo riscatto sociale su basi analfabetismo di ritorno, ma se dobbiamo trovare un messaggio positivo guardate due persone che dal nulla si sono costruite tutto senza appartenere a un sistema clientelare e cognome altisonante e auguratevi che i vostri figli possano avere le stesse opportunità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vittorio Sgarbi contro George Clooney: “Credo che se ami l’Italia avresti dovuto mostrare maggiore delicatezza per Sutri”

prev
Articolo Successivo

Paititi, nuova missione nel 2019: alla scoperta della mitica città perduta degli Inca

next