“Savona deve dimettersi? È un’indagine che già conoscevamo“. Così il vicepremier Luigi Di Maio, dopo l’inchiesta che ha coinvolto il ministro degli Affari Europei Paolo Savona, indagato a Campobasso per usura bancaria. Poche parole da parte di Di Maio, che ha lasciato Palazzo Chigi per pranzare dopo il vertice sulle nomine: “Un’ottima notizia”, ha poi rivendicato, in merito all’intesa raggiunta sul vertice di Cassa depositi e prestiti

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No Tap, attivisti contestano la ministra Lezzi: “Non hai bloccato il gasdotto, vergogna. Sei come Bellanova”

next
Articolo Successivo

Tito Boeri, il tecnico ‘super partes’ che si schiera con il Capitale

next