Il 13esimo capitolo di Acusmatiq apre una nuova stagione di eventi che unisce musica, arte e tecnologia, il festival andrà in scena all’interno della Mole Vanvitelliana sabato 21 e domenica 22 luglio 2018. Il festival nazionale di musica elettronica ed elettroacustica offre agli spettatori un weekend denso di eventi che racconteranno in maniera trasversale e libera le più varie sfaccettature della musica all’interno di un contesto aperto e in continua trasformazione. L’idea del Festival nasce da Paolo F. Bragaglia che lo ha ideato e lo porta avanti come direttore artistico da 12 anni. 

Ad Acusmatiq parteciperanno numerosi artisti di grande valore di origine nazionale e internazionale, ognuno porterà al pubblico un assaggio di quello che è il proprio punto di vista sulla musica elettroacustica. Tra gli artisti che parteciperanno vi saranno anche Alexander Hacke e Danielle de Picciotto, voci del cut up digitale, gli inglesi Demdike Stare, il tedesco Candie Hank/Patric Catani e l’opening ambient Humae proposto dal collettivo De-composer. Visioni diverse, tra analogico e digitale volte a disegnare un mutevole percorso di forme volte a descrivere la nostra multiforme contemporaneità.

Vanno ad completare il programma il seminario introduttivo su Suono Analogico e Suono Digitale, la presentazione del progetto Serifonìe tra serigrafia d’artista e musica elettronica, la presentazione della nuova associazione Acusmatiq Matme che nasce dall’esperienza pluriennale del festival per valorizzare il contributo dato dalla regione Marche alla musica elettronica e la presentazione dei video selezionati tra quelli creati per la call del progetto Metasync di Minus Habens Records e il Dj set conclusivo del collettivo marchigiano TALE.

Nel corso delle 12 precedenti edizioni ha ospitato artisti internazionali come Christian Fennesz, Murcof, Howie B, Alexander Hacke, Robin Guthrie, Thomas Brinkmann, Chris Cutler, Biosphere, Chris& Cosey, Mouse on Mars, Alva Noto, Yann Tiersen (in un’inedita formazione elettronica), John Foxx, Mika Vainio, Robert Lippok, Monolake, Byetone, Clock DVA, Otolab, Lillevan, Plaid, D’arcangelo, Roberto Paci Dalò assieme a moltissimi altri,assieme ai lavori installativi e performativi di altrettanti artisti che vanno dal collettivo Zapruder all’artista americano Phil Niblock.