Un uomo è morto domenica mattina durante un lancio dalla Pietra di Bismantova, sull’Appennino Reggiano: non gli si è aperto il paracaduteAlessio Stipcevich, basejumper di Anzola Emilia (Bologna) di 42 anni, era un esperto e appassionato di questo sport. Era al suo terzo lancio dal costone più sporgente della Pietra, chiamato “Pilone giallo”, quando è precipitato in un sentiero che porta alla ferrata degli Alpini. Non aveva tuta alare e in dotazione aveva un paracadute a corde: i motivi per cui non si è aperto sono ancora da chiarire.

Il soccorso alpino era con una squadra a una cinquantina di metri dal punto in cui è caduto l’uomo ed è intervenuto immediatamente, ma ha solo potuto constatarne il decesso e guidare le operazioni di recupero della salma. L’intervento dei carabinieri di Castelnovo Monti è di poco dopo le 11.30. La Procura di Reggio Emilia ha aperto un’inchiesta per chiarire le dinamiche dell’incidente. La Pietra di Bismantova è una meta caratteristica sull’Appennino per tanti escursionisti e paracadutisti, larga 240 metri e alta 300.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ciro Immobile, tentata aggressione in spiaggia a Chieti: identificato pescarese di 35 anni

next
Articolo Successivo

Napoli, c’è la festa del primario: reparto chiuso a Ponticelli. Sospensioni e ispezioni dopo la denuncia dei Verdi

next