Lavoratori rigorosamente stranieri per Donald Trump. Sul sito del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti sono apparsi due annunci, a distanza di poche ore l’uno dall’altro, per l’assunzione di 21 cuochi e 40 camerieri, tutti necessariamente provenienti da oltreconfine, per la residenza “invernale” del Presidente degli Stati Uniti, Mar-a-Lago.

I 61 nuovi dipendenti della villa di Palm Beach, in Florida, avranno accesso a un visto di categoria H, quello che viene rilasciato su una specifica offerta di lavoro. In particolare, al visto H-2B, cioè, come hanno stabilito i Dipartimenti Lavoro e Salute, quello per le posizioni in cui è stata riconosciuta una temporanea carenza di manodopera americana. In pratica, pensano a Mar-a-Lago, che Trump comprò nel 1985, i cittadini statunitensi non sono disposti a servire il Presidente. Meglio rivolgersi a personale straniero, dunque.

Nulla di male, sin qui. Se non fosse per la convinzione di Trump secondo cui i lavoratori immigrati sarebbero la causa dell’abbassamento, negli Stati Uniti, dei salari. Nella riforma sull’immigrazione voluta dal Presidente si legge, nero su bianco, che “l’afflusso di lavoratori stranieri abbassa i salari, mantiene la disoccupazione alta e rende difficile per le classi sociali povere – incluse quelle degli immigrati – di raggiungere un livello medio di ricchezza”.

I contratti avranno una durata di otto mesi e la paga sarà di 13,31 dollari all’ora per i cuochi e di 12,68 per i camerieri. Mar-a-Lago, peraltro, oltre a ospitare Trump (che si reca spesso in Florida per giocare a golf), è un resort di lusso costoso ed esclusivo. I membri, infatti, versano una quota iniziale di 200mila dollari e una annuale di 14mila dollari.

Trump, tuttavia, non è nuovo a questo genere di iniziative. Lo scorso anno, a Palm Beach, erano stati assunti 70 lavoratori stagionali stranieri: 15 governanti, 20 cuochi e 35 camerieri. Quattordici cuochi e camerieri sono stati assunti qualche mese fa al club di golf di Westchester, nello stato di New York, mentre la Trump Winery vicino a Charlottesville ha chiesto di assumere 23 stagionali per lavorare nelle vigne.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ernesto Neto, l’impressionante opera dell’artista brasiliano fatta di cotone e spezie

next
Articolo Successivo

Il racconto dell’attivista milanese bloccata in Turchia per undici giorni: “È stato un incubo, ho temuto il peggio”

next