Ha chiesto un asciugamano e, dopo essere entrato in una stanza dell’azienda agricola di Suvignano, nel Senese, il ministro Matteo Salvini è uscito in costume e si è concesso un bagno nella piscina dell’agriturismo davanti a telecamere, fotografi e ospiti che hanno seguito la sua visita all’azienda confiscata nel 2007 a cosa nostra. Così, dopo il comizio di Pontida, il ministro dell’Interno anche oggi manda un messaggio chiaro ai “bastardi mafiosi, camorristi e ‘ndranghetisti: l’Italia non sarà più il vostro Paese. Dedicherò ogni mia energia, giorno e notte, per combattere via per via, negozio per negozio, azienda per azienda, provando a sequestrarvi anche le mutande che portate addosso. Voglio un’economia sana e trasparente. Rendo onore alle tante persone, ai tanti magistrati e giornalisti che stanno rischiando la vita”.

“Difendere i confini dai clandestini è uno dei miei doveri e penso siamo partiti bene con ottime prospettive: purtroppo mi sembra che gli scafisti e i trafficanti di esseri umani stiano provando gli ultimi colpi di coda mettendo in mare gommoni sgonfi e barche senza motore con a bordo disperati che poi rischiano la vita, come sta accadendo. Sappiano, mafiosi e scafisti, che con questo governo non hanno più business. Per cui o cambiano mestiere o cambiano Paese”.

I numeri sugli arrivi “dicono che siamo a -80%, anche per il lavoro di chi c’era prima – ha proseguito il ministro -. Il mio obiettivo è arrivare a zero e in questo momento tra l’Italia e la Libia non c’è più una nave che aiuti gli scafisti, per loro non c’è più futuro”.