“Da Pontida, come per i trafficanti di esseri umani, arriva l’avviso anche per i mafiosi e i camorristi: è finita la pacchia in Italia. Via. Via dalla Sicilia come dalla Lombardia. E’ l’inizio di una guerra che combatteremo con tutte le armi che la democrazia ci mette a disposizione”. Sono le parole del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, dal palco di Pontida, dopo aver duramente stigmatizzato la politica dell’Europa. E a riguardo annuncia: “Far cadere il muro di Berlino un tempo sarebbe stato impensabile. Il prossimo muro che faremo cadere è quello di Bruxelles. Non dico a colpi di ruspa se no dicono che sono cattivo”. Poi afferma: “Oltre a quella dell’immigrazione, una grande battaglia che da ministro farò di tutto per vincere sarà quella di cancellare e sradicare da questo splendido Paese le schifezze che rispondono al nome di mafia, camorra e ‘ndrangheta. A noi fanno schifo la mafia, la camorra, la ‘ndrangheta. Non sarà facile perché ci vorrà coraggio, ma vi assicuro che le combatteremo con ogni mezzo necessario, da nord a sud”. Il leader della Lega rende omaggio al magistrato Rosario Livatino, assassinato dalla mafia nel 1990: “Ha dedicato una vita a combattere la malavita. E non a parole. Farò di tutto perché la casa in cui ha vissuto diventi il museo e il tempio dell’Antimafia. Era un giudice integro, onesto, coraggioso. Non andava in tv, non faceva interviste sui giornali, non aveva fatto i milioni di euro grazie all’Antimafia delle parole. Ma ha donato la sua vita per noi e per i nostri figli. Ecco, è questa l’Antimafia che noi aiuteremo. Quella dei Falcone e dei Borsellino, dei Boris Giuliano e dei Ninni Cassarà, quella di Rocco Chinnici, quella degli eroi che hanno dato la vita per questo Paese”. Finale tributo alle forze dell’ordine: “Un applauso a loro, che per 1200 euro al mese garantiscono la nostra incolumità. E che verranno dotati di pistole elettriche nelle prossime settimane per far ancor meglio il loro lavoro. E per essere più buoni, non più cattivi. Noi stiamo lavorando per una Italia più buona, con più sorriso, con delle regole”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pontida 2018, il ministro Centinaio: “Ho 5 tatuaggi, 3 dedicati alla Lega. A settembre ne farò uno per il governo”

next