Francia Argentina 4 a 3. Un risultato che sembra dire tutto. Noi siamo invece in grado di rivelarvi un retroscena del primo ottavo di finale di Russia 2018 rimasto sotto silenzio per via della censura di stato russa. Le frasi che seguono sono le richieste che l’allenatore dell’Albiceleste, Jorge Sampaoli, ha rivolto durante il match perduto con i francesi, al suo vice allenatore, regolarmente in campo, Lionel Messi. Le frasi sono state raccolte da un microfono nascosto nella panciera di Sampaoli.

Al minuto uno Sampaoli chiede a Messi: “Posso fingere di passeggiare nervosamente su e giù ai lati del campo per mostrare di essere teso e concentrato al punto giusto?”. Permesso accordato.

Al minuto tre e quaranta secondi chiede il permesso di togliersi la giacca e si scusa per avere erroneamente indossato la maglietta della Germania che ha vinto ad Italia 90 contro l’Argentina di Maradona. Imprecazioni.

Al minuto sette e ventotto secondi Sampaoli chiede a Messi se Tagliafico ha fatto fallo o se è simulazione. Risponde Tagliafico imprecando.

Al minuto dodici e quarantaquattro chiede a Messi se può gufare contro Griezmann. Permesso accordato imprecando. Al minuto sedici Sampaoli chiede a Messi dove ha messo le chiavi della sua Skoda familiare perché dalla tribuna un paio di tizi dicono sia rimasta in doppia fila fuori dalla stadio e che i temibili poliziotti russi sono lì con il libretto delle multe in mano. “Sono nel taschino della mia giacca, e quando la ripieghi guai a spiegazzarla come tuo solito”.

Al minuto venti il ct argentino chiede a Messi: “Posso mettere Aguero?”. Nessuna risposta.

Al minuto ventinove chiede a Messi se può tatuarsi la madonna del rosario sulla natica sinistra perché porta bene. Permesso accordato.

Al minuto 36 Sampaoli ordina un Montenegro per sé e un caffè lungo per Messi e chiede: “Quanto zucchero?”. Uno, grazie.

Al minuto 44 dopo che Di Maria ha segnato il momentaneo pareggio chiede a Messi se può sostituirlo. Imprecazioni.

Al primo minuto della ripresa Sampaoli chiede a Messi se ha un po’ esagerato nel prepartita dicendo che l’Argentina avrebbe giocato “con il coltello tra i denti”. Versi incomprensibili.

Al 50esimo chiede a Messi cosa significhi la frase dei commentatori Mediaset: “A livello emotivo è un’altra cosa. Ed è quello che sta succedendo sugli spalti”. Scrollata di spalle.

Al 57esimo chiede a Messi: “ma chi cazzo è quell’accidente di giocatore con la maglia blu che inizia con la P, finisce con la A, e in mezzo ha una G e una B, e che gioca da dio?”. “Secondo te? Caniggia? Pumpido?”

Al 64esimo chiede se può esultare al gol di Mbappé. Permesso non accordato.

Al 66esimo chiede se oltre a Fazio può mettere in campo la Littizetto e Nino Frassica. Messi scuote la testa.

Al 75esimo chiede se può avere il numero di telefono della escort con cui Messi è stato la sera prima. Numero non pervenuto. L’arbitro iraniano però si accosta e bofonchia qualche cifra a Sampaoli.

Al 79esimo Sampaoli chiede a Messi se in Francia si usa il congiuntivo. Breve consulto con Mascherano: “Forse”.

All’83esimo chiede a Messi se può mettere Aguero. “È già in campo, Jorge…”.

All’86esimo chiede a Messi se gradisce del seitan perché il manzo per cena è finito. Imprecazioni.

Al 90esimo chiede a Messi di rivedere al VAR se Maradona colpì il pallone con la mano nella partita Argentina-Inghilterra di Messico ’86, visto che “a Russia 2018 si può rivedere ogni episodio da ventiquattro angolazioni diverse”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Russia 2018, le palle di Putin / Tango argentino, Sampaoli dal paradiso all’inferno

prev
Articolo Successivo

Russia 2018, le palle di Putin / Pettegolezzi su Putin, promosso a ct della Russia

next