Aveva denunciato il giornale per diffamazione il killer che è entrato nella redazione del Capital Gazette, ad Annapolis (Maryland) facendo cinque morti e diversi feriti gravi. Nella sparatoria hanno perso la vita quattro giornalisti, fra cui l’editorialista e vicedirettore della testata Rob Hiaseen, e una dipendente del settore commerciale. L’assalitore è stato fermato poco dopo l’arrivo delle forze dell’ordine, chiamate dagli stessi redattori bloccati all’interno dell’edificio.

Secondo quanto riportato dalla Cbs si tratta Jarrod Ramos, 38 anni, in causa con la testata per un articolo in cui è stata data la notizia della sua condanna per aver molestato una donna online nel 2011. Prima della sparatoria Ramos aveva anche rivolto delle minacce al giornale attraverso il suo account Twitter. Per evitare di farsi riconoscere, però, si era mutilato le dita così da rendere più difficile la sua identificazione attraverso le impronte digitali. Lo hanno riferito fonti delle forze dell’ordine, che sono riuscite comunque a capire la sua identità grazie alla tecnologia del riconoscimento facciale e alle sue tracce lasciate sul web.

“Una sola persona armata ha aperto il fuoco colpendo diverse persone, alcune sono morte”. Phil Davis, giornalista del Capital Gazette, con una serie di tweet ricostruisce la sparatoria avvenuta nella redazione del suo giornale. “L’uomo armato ha sparato attraverso la porta a vetri e ha aperto il fuoco su numerose persone. Non posso dire dire molto altro, non voglio fare riferimento esplicito a nessun morto ma è una situazione terribile”.  I primi video da Annapolis mostrano le persone uscire dalla redazione con le mani alzate dopo la sparatoria. “Non c’è niente di più spaventoso che ascoltare quando diverse persone vengono colpite, mentre tu ti trovi sotto ad un tavolo e senti che l’arma viene ricaricata“, scrive sempre Davis su Twitter. Le immagini mandate in onda dalla tv americana mostrano diverse auto della polizia sul posto e parecchi uomini delle forze dell’ordine al lavoro.

Oltre al veterano Rob Hiaasen, nell’attacco hanno perso la vita Wendi Winters (direttrice delle edizioni speciali), John McNamara (scrittore), Gerald Fischman (direttore delle pagine dei commenti) e Rebecca Smith (assistente vendite). Il Capital Gazette è un’importante pubblicazione locale fondata nel 1884 e di proprietà dello stesso gruppo che pubblica il Baltimore Sun, il giornale che per primo ha dato la notizia. La sede è ad Annapolis, nello Stato del Maryland, non lontano da New York.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, Kennedy lascia la Corte Suprema. Trump può spingerla ancora più a destra: nel mirino aborto, diritti gay e ambiente

next
Articolo Successivo

Cina, in sciopero anche i camionisti. Il governo censura le notizie sulle proteste che mettono a rischio l’economia

next