Mentre il presidente degli Stati Uniti faceva retromarcia sulla separazione dei bambini migranti dalle proprie famiglie, Melania Trump è volata in Texas per visitare uno dei centri di detenzione al confine con il Messico. Un gesto arrivato dopo la sua prima “dichiarazione politica” in cui sosteneva come fosse “inaccettabile separare migranti dai figli”. Ma a colpire l’opinione pubblica è stato anche un dettaglio (che poi tanto dettaglio non è): la giacca indossata da Melania recitava sulla schiena la scritta “Non mi importa proprio niente, e a te?” (“I really don’t care. Do u?”, ndr).

Un vero e proprio giallo, che ha sollevato le domande della stampa Usa: la frase si riferisce al marito Trump dopo le polemiche dei giorni scorsi? O forse è una “caduta di stile” in una visita tanto delicata come quella in Texas (nonostante il passato da modella della first lady)? A sgombrare il campo dai dubbi è stato lo stesso presidente statunitense, che in un tweet ha spiegato che il messaggio “si riferisce alle fake news dei media. Melania ha imparato quanto sono disonesti e davvero non le importa più”.

La dichiarazione di Trump smentisce di fatto quanto dichiarato in un primo momento dalla portavoce di Melania, Stephanie Grisham, che si era affrettata a placare le polemiche negando le ricostruzioni dei media e della rete. “È una giacca. Non c’era nessun messaggio nascosto. Dopo l’importante visita di oggi in Texas spero che i media non scelgano di concentrarsi sul suo abbigliamento“.

A fronte a tutto questo, Melania continua a tacere. E, incurante delle polemiche, ha indossato la stessa giacca anche quando è scesa dall’aereo di ritorno dal Texas. Forse per ribadire con ancora più convinzione che quel messaggio non è affatto casuale. E deve essere letto dal suo destinatario.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Nave Lifeline, il salvataggio in mare dei migranti. Il video del trasbordo del bambino e della madre

next
Articolo Successivo

Corea del Nord, per la festa della Repubblica basta test missilistici: ritornano i “giochi di massa”

next