Resta agli arresti domiciliari Luca Lanzalone, l’ex presidente dell’Acea, coinvolto nell’inchiesta della Procura di Roma sul nuovo stadio della Roma. Il gip Maria Paola Tomaselli ha respinto l’istanza di scarcerazione presentata dall’avvocato Giorgio Martellino. Nel motivare la decisione il giudice afferma, sostanzialmente, che per il legale di Genova non sono mutate le esigenze cautelari.  Il tribunale del Riesame, invece, si è riservato di decidere in merito alle istanze di scarcerazione avanzate da Gianluca Talone, Simone Contasta, Giulio Mangosi, Nabor Zaffiri, manager Eurnova, tutti accusati di associazione a delinquere. Si tratta di persone legate al costruttore Luca Parnasi. Proprio ieri il gip ha posto ai domiciliari Luca Caporilli, sempre del gruppo Parnasi, che nel corso di un interrogatorio con i pm ha fatto ammissioni sulla dazione di denaro ad un funzionario pubblico.

Il progetto per lo stadio intanto va avanti. L’inchiesta che ha portato a nove arresti non rappresenterà la pietra tombale della struttura che dovrebbe sorgere a Tor di Valle. La conferma che “si può andare avanti” è arrivata al termine di un incontro tra i difensori di Luca Parnasi, che si è dimesso da tutte le cariche della holding Euronova, con i pm titolari del procedimento. Ora arriverà il curatore. “I pubblici ministeri hanno assicurato – spiegano i penalisti Emilio Ricci e Giorgio Tamburrini – che non ci sono elementi che possano bloccare la procedura per il nuovo stadio”. Sostanzialmente la vicenda penale, non avrà ricadute sugli aspetti amministrativi e burocratici legati al progetto. Se sul fronte stadio sembra profilarsi una schiarita, l’inchiesta continua ad andare avanti con una attività istruttoria a ritmo serrato.

Il gip ha dato il via libera alla scarcerazione dell’ex assessore regionale Michele Civita e di Luca Caporilli, l’ex braccio destro di Parnasi, che ha cominciato a collaborare con gli inquirenti ammettendo di avere effettuato versamenti in favore di funzionari pubblici. E sono in corso verifiche sul cellulare di Lanzalone da dove sarebbero sparite delle chat: la procura sta cercando di recuperare le conversazioni, e pare anche delle mail, per capire se possono portare contributi all’inchiesta. L’ex presidente di Acea intanto nega di avere ricevuto soldi dal costruttore. “Io non ho avuta nessuna utilità da Parnasi, su questo sono tranquillo, non un euro ho avuto – ha detto al gip nel corso dell’interrogatorio di garanzia -. Non ho capito quale sarebbe l’atto corruttivo, Parnasi non mi hai chiesto di fare nulla nei confronti del Comune”.

Nel corso del confronto davanti al gip, l’avvocato genovese ha ribadito di non avere mai avuto un ruolo “formale” nella trattativa per l’abbattimento delle cubature nel progetto. “Il mio ruolo non è mai stato ‘formalizzato'”, è il ragionamento di Lanzalone che respinge l’impianto accusatorio della Procura che riconosce nella attività quella di consulente di fatto del Campidoglio e quindi di pubblico ufficiale. E dalle parole della sindaca Virginia Raggi ai pm, nel corso della sua audizione, arriva una sorta di conferma all’ipotesi dei magistrati: “ai tavoli di discussione stava dal lato nostro e rappresentava le esigenze del Comune agli interlocutori in ordine ai profili di riduzione delle cubature“. Una posizione riconosciuta anche dal direttore generale del Comune, Franco Giampaoletti, il cui nome fu fatto per la prima volta alla Raggi dallo stesso Lanzalone, così come la sindaca ha riferito agli inquirenti. Giampaoletti sentito come testimone dai magistrati di piazzale Clodio ha affermato che da parte di Lanzalone “vi è stata una disponibilità a continuare a dare supporto” nella vicenda dell’impianto.

“Quando noi avevamo bisogno della sua presenza – ha spiegato – lui partecipava alle riunioni. Lanzalone ha continuato a supportare il Comune nelle valutazioni tecnico amministrative sino al momento della procedura tecnica da seguire per l’approvazione della variante (marzo-aprile 2018)”, quando era già da tempo a capo di Acea. E ancora: “se anche non avesse partecipato alla riunione in questione, lui certamente ha contribuito alla nostra decisione di seguire l’iter ordinario, fornendoci il supporto tecnico giuridico che gli ho richiesto”. Il direttore generale del Campidoglio conclude affermando di essersi “sempre relazionato con Lanzalone, riferendogli l’andamento della interlocuzione con i privati in relazione allo stadio, perché lo ritenevo una persona esperta. Mi sono confrontato con Luca Lanzalone anche su altre questioni che interessavano il Comune, ad esempio su Atac, per avere una sua opinione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mastrogiovanni, condannati medici e infermieri. Vi racconto di chi non ha legato un paziente in manicomio

prev
Articolo Successivo

De Mita, obbligo di firma per la moglie dell’ex premier: coinvolta nell’inchiesta sull’associazione disabili

next