Il settore della cannabis light italiano è in forte espansione nell’ultimo anno. Un settore che produce una ricchezza di oltre quaranta milioni di euro e che ha attratto sia grandi aziende sia tanti giovani che si sono lanciati in questo campo. È il caso del “Canapa House” aperto da pochi giorni a Torino da due trentenni, Fabio Cavrini ed Ezio Miglio: “Avevamo entrambi un lavoro a tempo indeterminato ma abbiamo deciso di licenziarci per provare ad aprire questa attività che non vuole essere solo economica, ma anche culturale”. Una scommessa che però sembra essere minacciata dal parere del Consiglio superiore di Sanità (Css) ha chiesto di sospendere la vendita della cannabis light perché “non può esserne esclusa la pericolosità“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bari, decreto del governo: processi sospesi fino al 30 settembre perché il Tribunale è inagibile

next
Articolo Successivo

Lifeline, Toninelli: “È in acque maltesi”. Ma La Valletta: “La nave con i migranti non può attraccare qui”

next