È morto a 85 anni Sergio Gonella, l’ex arbitro internazionale di calcio che nella sua lunga carriera arrivò a dirigere sia la finale di un campionato del Mondo che quella di un Europeo. Gonella, nato ad Asti, esordì in Serie A negli anni sessanta, guadagnandosi all’inizio della carriera la fama di arbitro severissimo ed imparziale, dopo aver concesso sette rigori nelle prime sette partite del campionato 1965-1966.

Nel 1976 diresse la gara conclusiva degli Europei a Belgrado, conclusa con il trionfo ai rigori della Cecoslovacchia contro la Germania Ovest. Due anni più tardi arbitrò a Buenos Aires la finale dei Mondiali tra Argentina e Olanda, vinta dalla nazionale albiceleste per 3-1 ai tempi supplementari.

A dare l’annuncio della morte dell’ex arbitro è stata l’Associazione italiana arbitri, di cui Gonella fu presidente dal 1998 al 2000: “Alla famiglia la vicinanza e il cordoglio dell’Associazione italiana arbitri”, ha scritto l’Aia su twitter. Nel 2013 Gonella era stato inserito nella Hall of Fame del calcio italiano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Frosinone in Serie A, ma il Palermo annuncia ricorso. Lo spareggio: 2 a 0, tra palloni tirati in campo e invasione

prev
Articolo Successivo

Parma accusato di tentato illecito: chiusa l’indagine sugli sms prima della gara con Spezia. A rischio la promozione in Serie A

next