Volevano occupare piazza San Marco con un carro armato artigianale. Per questo motivo trentuno persone sono state rinviate a giudizio a Venezia: fanno tutti parte di un gruppo di secessionisti lombardo-veneti. Il tentato assalto di una delle piazze più famose d’Italia risale al 2014 e ha anche un precedente il 9 maggio 1997.  Il tanko venne trovato in un capannone chiamato ‘Arsenale’, nel padovano, epicentro del gruppo separatista finito nell’inchiesta.

Nell’udienza preliminare il pm della procura di Rovigo ha anche chiesto il non luogo a procedere per altri quindici, mentre all’esterno del palazzo di giustizia un centinaio di simpatizzanti degli imputati, controllati a vista dalle forze dell’ordine, hanno manifestato con cori e striscioni. Lo scorso febbraio il Tribunale di Rovigo aveva condannato a due anni per associazione eversiva il bresciano Michele Cattaneo, ritenuto l’artefice del cannoncino del carro armato artigianale. I secessionisti raccontavano di avere anche una parte delle forze dell’ordine dalla loro parte, ma il loro progetto venne sventato.

Secondo l’indagine, il gruppo si ritrovava ad Erbusco, nel cuore della Franciacorta bresciana, a ricordare i fasti della Serenissima e a progettare insurrezioni armate contro la Repubblica italiana. È nella trattoria dell’azienda agricola Boschi che nella primavera del 2012 nasce il progetto secessionista con la curiosa associazione Brescia Patria per l’indipendenza del “popolo camuno”, definita dal gip Cesare Bonamartini “il volto pubblico del progetto insurrezionale secessionista” che si legherà poi ai colleghi indipendentisti veneti nel maggio 2012.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanità, operata al cuore resta paralizzata: “Dopo 15 anni chiedo ancora giustizia”. Nel petto ha un elettrodo (dimenticato)

prev
Articolo Successivo

Stadio Roma, Lanzalone intercettato: “Milioni di cose gratis al Campidoglio. E da Raggi ho avuto solo il posto in Acea”

next