La patologia neurologica che ha colpito Georgette Polizzi, l’ex concorrente di Temptation Island, è una cosa seria: la ragazza deve fare i conti con l’uso degli arti bloccato e sarà costretta a vivere su una sedia a rotelle a causa della sclerosi multipla. A seguito di questa scoperta, Georgette avrebbe preso un’importante decisione riguardante la sua vita privata: lasciare il suo storico fidanzato, Davide Tresse. Come? Tramite una lettera pubblica. “A meno che la ricerca non faccia il miracolo di trovare una cura, al momento la mia vita è segnata. L’idea di stare sola mi terrorizza. Ma ancora di più mi terrorizza l’idea di doverti condannare a una malattia che non è la tua”, ha scritto in una missiva pubblicata da Di Più.

“Ti scrivo con le lacrime agli occhi dopo una lunga giornata di riflessioni. Stai dormendo accanto a me e potrei svegliati, per dirti tutto in faccia, perché ami la franchezza, senza tanti giri di parole. Ma per fare questo, ora, mi servirebbe un coraggio che non ho. Perché io ti amo e, se sto per dirti parole che ti faranno soffrire, è solo ed esclusivamente perché agisco in nome dell’amore che mi lega a te […] Penso che sia meglio porre fine alla nostra storia: dobbiamo prendere due strade diverse. Sono stati 3 anni e mezzo meravigliosi, a volte tortuosi, ma il baratro nel quale ora sono caduta, e nel quale inevitabilmente sei caduto anche tu, non deve essere senza uscita, almeno per te”, le parole pubblicate dal settimanale diretto da Sandro Mayer.

Ma la ragazza dalla carnagione mulatta sui social ha poi fatto un brusco passo indietro: “Non ho lasciato Davide, la lettera è una dedica d’amore in cui mi dicevo di sentirmi un peso. Per questo, dicevo, è giusto che lui possa volere il meglio, ma mai e poi mai ho detto di voler lasciare Davide”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Un posto al Sole, paura per ‘Otello’: Lucio Allocca colpito da infarto

prev
Articolo Successivo

Sense8, il cast della serie si prepara a dire addio dopo l’ultima stagione: la festa a Napoli

next