Il varo del governo Conte sembra rassicurare i mercati, anche se dopo il giuramento del nuovo esecutivo il rendimento dei titoli di Stato italiani ha ripreso lievemente a salire. Lo spread tra Btp e Bund, che negli scorsi giorni aveva sfondato il muro dei 300 punti tornando ai livelli del 2013, venerdì ha aperto in sensibile calo a 224, dopo aver già ripiegato a 241 in chiusura nella giornata di giovedì quando Lega e M5s sembravano ormai pronti alla stretta di mano finale. Durante la giornata il rendimento del titolo decennale italiano è sceso fino al 2,53%, con il differenziale rispetto ai titoli tedeschi che ha fatto segnare un altro minimo a quota 214. Dopo un picco a 243 punti, raggiunto in concomitanza con il giuramento del nuovo governo, lo spread ha chiuso a quota 239.

Simile l’andamento dei tassi d’interesse dei titoli di Stato italiani a scadenza biennale, che a mercati chiusi pagavano l’1%. In apertura il loro rendimento era sceso fino allo 0,6%, a dimostrazione che la percezione di un rischio a breve termine per la tenuta del debito italiano è diminuita. Il 29 maggio, nel pieno della crisi istituzionale, i titoli a due anni erano arrivati ad avere un rendimento del 2,7%.

Anche la Borsa, in apertura, aveva reagito positivamente alla formazione del nuovo governo, con Piazza Affari che era arrivata a toccare anche il +2,7%. L’avvio sprint di Milano, spinto dai titoli bancari, i più penalizzati dall’ondata di vendite degli ultimi giorni, si è poi ridotto gradualmente nel corso della giornata, con l’indice Ftse Mib che ha comunque chiuso a +1,49%. Bene anche gli altri listini europei, seppur con crescite più contenute: Londra sale dello 0,31%,  Francoforte guadagna lo 0,95% e Parigi sale dell’1,19%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, spread si restringe a 240 punti su ipotesi di soluzione politica. Piazza Affari gira in rosso sui dazi Usa

prev
Articolo Successivo

Facebook, la guardia di Finanza contesta al social network 300 milioni di evasione

next