Immagine da Archivio privato

Una sola udienza, poche ore di tempo e una condanna a 10 anni: il 24 maggio si è aperto e chiuso il processo nei confronti di Merzoug Touati, un blogger algerino in carcere da un anno e mezzo a causa di un post e di un video, pubblicati rispettivamente su Facebook e Youtube.

Touati è stato giudicato colpevole di “incitamento a rivolta non armata”, “incitamento a svolgere raduni e sit-in in spazi pubblici” e “rapporti con intelligence straniere per danneggiare le relazioni diplomatiche”. Avrebbe rischiato persino la pena di morte se fosse stato confermato l’ultimo capo d’imputazione, “incitamento a prendere le armi contro lo Stato”.

Amnesty International, che con la sua sezione locale ha assistito al processo, ha esaminato gli atti giudiziari e soprattutto il post e il video (non più in rete, poiché gli account di Touati sono stati eliminati) giungendo alla conclusione che non contenevano alcun incitamento alla violenza o all’odio.

Nel post pubblicato su Facebook il 2 gennaio 2017, Touati invitava la popolazione della sua città natale, Béjaïa, a manifestare contro la legge finanziaria da poco approvata. Nel video caricato su Youtube l’8 gennaio, intervistava un portavoce del ministero degli Esteri israeliano il quale negava la narrativa ufficiale algerina secondo la quale Israele era dietro le proteste in corso in varie parti del Paese.

Durante gli interrogatori, Touati ha spiegato che le interviste a diplomatici, rappresentanti delle istituzioni, difensori dei diritti umani e attivisti erano state realizzate a solo scopo di documentazione, per arricchire con una pluralità di fonti i suoi post. L’avvocato di Touati ha annunciato che presenterà ricorso in appello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Turchia, la lira in caduta libera rispetto al dollaro: così aumenta il peso dei debiti con l’estero e rischia anche l’economia

prev
Articolo Successivo

Parigi, sul palazzo come Spiderman: si arrampica fino al quarto piano per salvare il bambino che penzola nel vuoto

next