Ha trovato una barretta di hashish e ha cominciato a masticarla. E così a soli 18 mesi è finita in ospedale per intossicazione. Dopo 24 ore in osservazione in terapia intensiva, la prognosi per lei è stata sciolta: è ora fuori pericolo anche se dovrà trascorrere qualche altro giorno ricoverata. È accaduto a Ravenna lunedì mattina quando la bimba, mentre il padre era impegnato al telefono, è riuscita ad aprire un cofanetto contenente 62 grammi circa di hashish tra cui la barretta che ha masticato. L’uomo è stato poi arrestato per possesso di droga ai fini di spaccio e lesioni personali come conseguenza di altro reato. La madre è stata invece denunciata a piede libero perché, secondo quanto ipotizzato dagli inquirenti, avrebbe saputo di quella droga custodita in casa. Entrambi i genitori, di nazionalità italiana e residenti nella città romagnola, sono incensurati.

A fare scattare le indagini, coordinate dal pm di turno Silvia Ziniti, è stato il posto di Polizia interno all’ospedale di Ravenna che ha segnalato alla Questura il ricovero. In effetti attorno ai pochi dentini della piccola, sono stati trovati residui di hashish. La bimba è inoltre risultata positiva ai cannabinoidi. Secondo quanto verificato finora dalla squadra Mobile, il padre, una volta realizzato che dalla scatola mancava una barretta di hashish, ha iniziato a preoccuparsi anche in ragione di un presunto stato di torpore della piccola. E a quel punto l’ha accompagnata in ospedale. Durante la successiva perquisizione domiciliare, gli investigatori hanno infine trovato metà della barretta: il pezzo mancante è quello masticato dalla bimba.

Foto di archivio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Atac, Comune di Roma sarà ultimo dei creditori per salvare il concordato. “Operazione da 500 milioni di euro”

prev
Articolo Successivo

G8, ex membro dei Gis: “Diaz? Non c’ero, non so se si esagerò”. Ma condannati in 25 e fu un agente a parlare di ‘macelleria’

next