Ufficialmente trasportava elettrodomestici, in realtà il camion era carico di droga. Non freezer né lavatrici, ma oltre 2mila panetti di hashish per un peso complessivo di 240 chilogrammi di sostanza stupefacente. Il sequestro record di droga è avvenuto questa mattina a Venegono Superiore, nel Varesotto. Il rumeno che si trovava alla guida del mezzo pesante è stato arrestato.

Sul “corriere” sono tuttora in corso una serie di accertamenti per verificare la destinazione e la provenienza del carico di hashish, che presumibilmente avrebbe dovuto inondare il mercato della zona. Il camion sospetto, che stava attraversando il Varesotto, è stato fermato dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Saronno, coordinati dal capitano Pietro Laghezza, per un controllo. A bordo c’erano numerosi pallet imballati e perfettamente sigillati, il cui peso, però, non corrispondeva a quanto dichiarato. Durante l’ispezione sono spuntati i panetti di droga.

Dalla prima pedana ispezionata, nella parte inferiore racchiusa da una gabbia in legno, sono stati scovati cinque voluminosi involucri confezionati con una spessa membrana di nastro adesivo, che a loro volta contenevano innumerevoli panetti di hashish. Il rumeno al volante non ha fornito alcuna indicazione rispetto alla droga trasportata. Secondo una stima approssimativa il valore di mercato della sostanza sequestrata si aggira attorno a un milione e 200mila euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ikea, “per mio figlio autistico niente area giochi perché ha il vizio di togliersi calze”. La replica: “Norme igieniche e sicurezza”

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco striglia i vescovi ma contro scandali e abusi non basta tagliare qualche testa

next