“Vogliamo tranquillizzare la cittadinanza sulle voci sulla chiusura della Casa Internazionale delle Donne: l’amministrazione non ha questa intenzione”. È quello che assicura Rosalba Castiglione, assessora al Patrimonio di Roma Capitale, al termine dell’incontro, avvenuto oggi in Campidoglio, con le rappresentanti del Direttivo della Casa Internazionale delle Donne. Incontro cui erano presenti anche la sindaca Virginia Raggi oltre alle assessore Flavia Marzano (Pari Opportunità) e Laura Baldassarre (Persona). “L’amministrazione vuole portare avanti il progetto iniziato dalla CID. Vogliamo rilanciare il progetto originario, ormai datato”.

“Non è andata bene per noi”, spiega Francesca Koch, presidente della Casa Internazionale delle Donne. “Unica nota positiva è che la sindaca finalmente ci abbia incontrate”, dice al termine del lungo incontro avvenuto in serata, mentre almeno un migliaio di donne e attivisti erano in presidio in piazza del Campidoglio per dire no alla chiusura della Casa. “L’assessora al Patrimonio si è impegnata a non sgomberarci fino a che c’è una trattativa in corso. Noi abbiamo chiesto di parlare del debito e delle nostre proposte di rientro”, dice ancora Koch. “Ci hanno detto che stanno facendo le dovute verifiche, e che verremo riconvocate entro giugno”.

“Abbiamo rimandato a una prossima riunione le parti tecniche relative al debito o alla prosecuzione delle attività all’interno della Casa mediante l’inserimento di ulteriore progettualità che vedono coinvolte anche il Comune. Bisogna allargare il progetto, anche sul territorio”, conclude Castiglione.