“Vogliamo tranquillizzare la cittadinanza sulle voci sulla chiusura della Casa Internazionale delle Donne: l’amministrazione non ha questa intenzione”. È quello che assicura Rosalba Castiglione, assessora al Patrimonio di Roma Capitale, al termine dell’incontro, avvenuto oggi in Campidoglio, con le rappresentanti del Direttivo della Casa Internazionale delle Donne. Incontro cui erano presenti anche la sindaca Virginia Raggi oltre alle assessore Flavia Marzano (Pari Opportunità) e Laura Baldassarre (Persona). “L’amministrazione vuole portare avanti il progetto iniziato dalla CID. Vogliamo rilanciare il progetto originario, ormai datato”.

“Non è andata bene per noi”, spiega Francesca Koch, presidente della Casa Internazionale delle Donne. “Unica nota positiva è che la sindaca finalmente ci abbia incontrate”, dice al termine del lungo incontro avvenuto in serata, mentre almeno un migliaio di donne e attivisti erano in presidio in piazza del Campidoglio per dire no alla chiusura della Casa. “L’assessora al Patrimonio si è impegnata a non sgomberarci fino a che c’è una trattativa in corso. Noi abbiamo chiesto di parlare del debito e delle nostre proposte di rientro”, dice ancora Koch. “Ci hanno detto che stanno facendo le dovute verifiche, e che verremo riconvocate entro giugno”.

“Abbiamo rimandato a una prossima riunione le parti tecniche relative al debito o alla prosecuzione delle attività all’interno della Casa mediante l’inserimento di ulteriore progettualità che vedono coinvolte anche il Comune. Bisogna allargare il progetto, anche sul territorio”, conclude Castiglione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Firenze, albero cade su un bus turistico: quattordici feriti. “Controllato nel 2016”

prev
Articolo Successivo

Roma, blitz della polizia locale: cancellati i murales dedicati ai boss morti sui muri di Tor Bella Monaca

next