Ventidue giorni di agonia, tra sofferenze e speranze, finiti nella notte tra domenica e lunedì quando le sue condizioni si sono aggravate. Non ce l’ha fatta Cosimo Del Vicario, il 35enne fuochista di San Severo, in provincia di Foggia, che era rimasto gravemente ustionato il 28 aprile nell’esplosione della fabbrica di famiglia in cui si lavorano e si confezionano fuochi e oggetti pirici.

Proprio i danni provocati dalle ustioni hanno finito per compromettere il quadro clinico dell’uomo, ricoverato in ospedale a Bari, dove era stato anche sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Insieme a lui era rimasto ferito un operaio, in condizioni meno gravi.

L’incidente si era verificato attorno alle 9 distruggendo completamente i capannoni dell’azienda. I pompieri erano stati a lungo stati gli unici a poter entrare nel perimetro dell’azienda per metterla in sicurezza, poiché le esplosioni avevano provocato un principio di incendio.

In segno di lutto sono state annullate le batterie pirotecniche previste per la festa patronale della Madonna del Soccorso di San Severo e si svolgerà soltanto la processione. La stessa festa era stata rovinata domenica dal ferimento di una donna che stava assistendo ad uno spettacolo pirotecnico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Porto Sant’Elpidio, litiga con la moglie e la uccide a colpi di fucile

prev
Articolo Successivo

Roma, Casa delle donne: “Mozione di chiusura? Non ha senso”. “Raggi vieni, questo posto è anche tuo”

next