La nuova era di Tim inizia con la cassa integrazione straordinaria per tre quarti circa dei dipendenti italiani, 29.736 lavoratori, e una stima di 4.500 esuberi incentivati nel giro di un anno. Poco importa che l’ex Telecom Italia abbia chiuso il primo trimestre con un utile in crescita del 25% a 250 milioni di euro e che ormai i francesi di Vivendi non siano più alla guida del gruppo. La società andrà avanti nel piano di riorganizzazione aziendale sfruttando il denaro pubblico e ingaggiando un braccio di ferro senza precedenti con il sindacato che si è opposto al piano proposto a marzo dall’amministratore delegato Amos Genish.

Il progetto di Genish prevedeva nel 2018 il prepensionamento per circa 4-5mila lavoratori, sulla base dell’articolo 4 della legge Fornero. Inoltre fissava incentivi all’uscita per circa 2.500 dipendenti e proponeva la riduzione dell’orario di lavoro di 20 minuti al giorno per gli oltre 30mila dipendenti di Telecom Italia. Quest’ultima misura, nota come solidarietà espansiva, sarebbe servita a finanziare l’assunzione di circa 2000 giovani. Ma l’azienda non è riuscita a trovare la quadra con il sindacato e ha quindi deciso di procedere unilateralmente alla richiesta di cassa integrazione che, se convalidata nei prossimi 25 giorni dal Mise, potrebbe già partire il 18 giugno.

La durata massima della cigs, stando alla lettera inviata al ministero del Lavoro e riportata da Radiocor, sarà di 12 mesi, e i lavoratori interessati – “un massimo di 29.736”, appunto – saranno sospesi dal lavoro “per un numero medio di giornate non superiore a 26“, da distribuire su base mensile nel periodo di applicazione e “comunque in linea con i fabbisogni del programma di riorganizzazione”.

“La necessità di salvaguardare gli obiettivi industriali, unitamente alle esigenze di sostenibilità economica ed organizzativa dei livelli occupazionali, hanno reso quindi inevitabile da parte di Tim la presentazione al ministero del Lavoro e alle rappresentanze sindacali di un progetto di cassa integrazione straordinaria per riorganizzazione aziendale.- ha spiegato una nota della società – Tale progetto verrà analizzato e discusso con le organizzazioni sindacali nell’auspicabile prospettiva di pervenire ad un accordo in tempi rapidi”.

Inutile dire che la mossa di Tim non è stata però accolta bene dal sindacato. “Siamo contrari a questa iniziativa unilaterale che confidiamo venga ritirata dall’azienda– ha dichiarato al fattoquotidiano.it il sindacalista della Cub, Simone Vivoli – Invitiamo anche il governo presente e futuro ad intervenire nella riorganizzazione di una società che ha un ruolo centrale nello sviluppo della fibra nel Paese e che ha fra i suoi soci anche la Cassa Depositi e Prestiti”. Del resto “gli argomenti sul tavolo avrebbero meritato approfondimenti”, ha precisato Salvo Ugliarolo, segretario generale Uilcom Uil. Ma i mesi di trattative, interrotte solo dalla battaglia fra i soci, non sono serviti a trovare un’intesa. Difficile quindi immaginare in tempi brevi soluzioni alternative al piano di Genish o alla cassa integrazione straordinaria.