A due giorni dalle commemorazioni del 25 aprile a Genova, città decorate al valor militare per la lotta di Liberazione dall’occupazione nazifascista, il Comune di Genova ha autorizzato il consigliere delegato alla Protezione civile Sergio Antonino Gambino (FdI) a marciare insieme al movimento di estrema destra “Lealtà e Azione” per ricordare i “caduti della repubblica sociale”, lo stato fantoccio voluto dalla Germania nazista per governare parte dei territori italiani controllati militarmente dai tedeschi dopo l’armistizio.
Per questo, in una città come Genova duramente segnata dalle violenze nazifasciste, dove la memoria della Resistenza resta viva tra i militanti come tra la gente comune, trecento persone si sono radunate a protestare davanti alla sede del Comune, per chiedere al Sindaco Marco Bucci una presa di distanza. All’interrogazione presentata dalle opposizioni unite (Partito democratico, Movimento 5 stelle e sinistra), in cui si chiedeva al sindaco  di prendere una posizione chiara sulla natura antifascista della sua maggioranza, e fare chiarezza rispetto ai fatti del 27 aprile, non ha fatto seguito una risposta univoca, forse anche a causa del sostegno di alcune formazioni di estrema destra all’amministrazione: a questa domanda, come alle altre poste dai colleghi presenti, il Sindaco ha preferito non dare risposta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Berlusconi respinge le proposta della Lega: “Appoggio esterno a esecutivo con M5s? Forza Italia non accetta veti”

prev
Articolo Successivo

Governo, Di Maio: “Partiti se ne fregano degli italiani, dopo i rigori siamo ancora a 0-0. Si deve tornare a votare”

next