Mario Giordano lascia la direzione del Tg4. Il prossimo sarà l’ultimo week end alla guida del telegiornale di Mediaset. Il suo posto, come anticipato da Ilfattoquotidiano.it, sarà preso da Rosanna Ragusa, attuale condirettore di Videonews, la testata giornalistica del Biscione che si occupa dei programmi di approfondimento: una figura certamente meno “politicizzata” del suo predecessore.

Giordano aveva iniziato la sua direzione nel gennaio 2014, dopo l’addio dell’attuale governatore della Liguria Giovanni Toti. La decisione, stando a quanto apprende ilfattoquotidiano.it, è dello stesso giornalista, che continuerà ad avere un ruolo in azienda, ma “operativamente” giornalistico: sarà il nuovo direttore Strategie e sviluppo dell’informazione.

Non un divorzio, quindi, come quello da Paolo Del DebbioMaurizio Belpietro, che conduceva un programma di Rete 4 del quale si occupava proprio Giordano. Proprio l’ormai ex direttore del Tg4 nei giorni seguenti all’addio dei due volti dell’access prime-time della rete era stato a sua volta sollevato dalla responsabilità di Stasera Italia, la trasmissione che aveva preso il posto di Dalla vostra parte. All’interno di questo contesto di “sfiducia” sono maturate le dimissioni.

Alla direzione informazione, infatti, non era piaciuto l’avvio di Stasera Italia, perché nelle intenzioni di Mediaset avrebbe dovuto essere meno urlato rispetto al programma condotto da Belpietro. Invece la linea editoriale era rimasta simile, assai ammiccante a quel populismo che all’azienda non piace più da tempo. Un’ipotesi, quest’ultima, che il direttore generale dell’informazione Mauro Crippa aveva rigettato: “Si tratta di aggiustamenti editoriali. Parlare di rivoluzione antipopulista o di scenari complottisti è una fake interpretazione“.

Oggi lo stesso Crippa, ufficializzando l’addio di Giordano al Tg4 lo definisce “un capitano di lungo corso” che nel nuovo ruolo “avrà modo di mettere a frutto questa eccezionale esperienza per aiutarci a rinnovare la nostra informazione, ideando nuovi format di approfondimento al passo coi tempi, valorizzando sempre più le risorse interne dell’azienda”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rai, “la presidente Monica Maggioni indagata per abuso d’ufficio e peculato”

prev
Articolo Successivo

Il Pd, la satira e le scuse non richieste del direttore di Repubblica

next