Gli ascolti deludenti per l’azienda da un lato, la spinta verso il populismo che non piace a Forza Italia dall’altro. Così Maurizio Belpietro lascia la conduzione di Dalla vostra parte, nel cui studio entrerà per l’ultima volta stasera, mentre Quinta Colonna di Paolo Del Debbio chiuderà i battenti il prossimo 26 aprile. Mediaset cambia registro dopo le elezioni e “normalizza” i talk-show di Rete 4. Stop a quello dell’ex ideologo del partito di Silvio Berlusconi, cambio di conduzione nella trasmissione finora gestita in studio dal direttore de La Verità, che da lunedì entrerà in una fase di transizione con al timone un volto nuovo proveniente dalla scuderia del Tg4, testata che “controlla” il preserale di Rete 4.

Stasera Belpietro – come anticipato dal sito Dagospia.com diretto da Roberto D’Agostino – saluterà il suo pubblico. Non si sa a quali ragioni farà cenno e come sia maturato il divorzio, ma è certo che Dalla vostra parte – così come Quinta Colonna – non piace a molti parlamentari di Forza Italia e all’inner circle berlusconiano, scottato dai risultati elettorali. “Troppo populismo”, è la sentenza. Che contiene la velata accusa di aver tirato la volata alla Lega (e al Movimento 5 Stelle) verso le elezioni del 4 marzo, con annesso sorpasso del Carroccio al partito del padrone di casa Silvio Berlusconi.

Gli ascolti non eccellenti di entrambe le trasmissioni sono quindi stati usati come appiglio per una svolta, soprattutto per Quinta Colonna. Ma in fondo, ragionano in ambienti Mediaset, le motivazioni sono prettamente politiche. Del resto, è almeno un anno che l’azienda sopporta più che supporta i due programmi. A lasciare intendere che l’aria stesse cambiando fu per primo il presidente Fedele Confalonieri. Era il febbraio 2017 quando il numero uno del network televisivo, parlando dei talk-show di casa e del populismo in tv, lo disse senza giri di parole: “Stiamo esagerando”.

Belpietro era stato esonerato a tempo a giugno, in tempi di Nazareno e legge elettorale, salvo rientrare nei ranghi a settembre. E già all’epoca ilfattoquotidiano.it aveva anticipato che i dubbi dell’azienda riguardavano anche Quinta Colonna. Il programma di Del Debbio ha subito una mutazione negli scorsi mesi, con un nuovo curatore. Ma la mossa della direzione informazione non ha funzionato, perché gli ascolti sono rimasti non soddisfacenti. Così, di fronte al pressing del partito, è scattata la resa.

Dal 26 aprile, Quinta Colonna chiuderà i battenti. Lo stesso epilogo potrebbe toccare anche a Dalla vostra parte, che intanto da lunedì cambia volto. Belpietro passerà il testimone con in tasca una promessa, la stessa fatta a Del Debbio: da settembre avranno un nuovo programma. Magari che affronti l’attualità con meno populismo. Per adesso, basta così: in troppi pensano che il sorpasso della Lega su Forza Italia sia passato anche dai talk-show di Rete 4.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le lacrime del fotoreporter scarcerato: “In carcere da innocente”. Era in Serbia per documentario sui profughi

prev
Articolo Successivo

Cambridge Analytica, Antitrust apre istruttoria su Fb per pratiche scorrette “Profili critici per tutela del consumatore”

next