No a un governo “istituzionale” perché significherebbe “stare insieme per fare nulla”. E mai “con la sinistra e il Pd”: “Si ragiona con i 5 Stelle o altrimenti c’è il voto”, anche se il M5s deve tornare “con i piedi per terra”. Matteo Salvini e tutta la Lega restano sulle posizioni già espresse in Molise prima del naufragio della seconda opzione sondata dal presidente della Repubblica. E il leader del Carroccio rilancia quando gli si chiede se si farà avanti per un preincarico: “Perché no?”, dice alla festa del partito a Grumello del Monte, nel Bergamasco, ripetendo di voler cercare “fino all’ultimo” di dare un governo all’Italia: “Spetta al presidente della Repubblica, io sono pronto a qualunque cosa ci dica”.

Ma non parteciperà mai a un esecutivo retto da tutte le forze politiche, piuttosto, dice, “proverò a cercare in Parlamento quella forza per fare le cose che ci chiedono gli italiani. Ci proverò fino all’ultimo, ma partendo dal centrodestra che è la prima coalizione e ha vinto in Molise e Friuli“. Del resto, spiega, “prima delle elezioni ho detto ‘mandiamo a casa la sinistra e il Pd'” quindi “mai andrò al governo con la sinistra e il Pd“. Anche se non nega di aver avuto scambi di sms con Matteo Renzi (“Mi scrivo con tutti”) il leader del Carroccio è netto: “Si ragiona con i 5 Stelle o altrimenti c’è il voto”.

I concetti espressi dal leader del Carroccio vengono rilanciati anche dal neo-governatore del Friuli Venezia-Giulia, Massimiliano Fedriga, che vede due soluzioni all’orizzonte: “Un nuovo giro di trattative con il M5S oppure il voto”, ha detto a Circo Massimo. Fedriga ha escluso accordi con il Pd, “troppo distante nelle scelte politiche rispetto alla Lega” e ha lanciato un appello ai parlamentari responsabili che intendono dare risposte ai cittadini, pur riconoscendo che i 50 voti mancanti alla Lega per formare un esecutivo “sono troppi”. Un limite che Salvini, martedì sera a Grumello, aveva detto di non voler superare con i ‘responsabili’ perché “non voglio cadere sugli Scilipoti“.

E ribadisce che per il prossimo esecutivo “non dico o Salvini o nessuno, dico che io mi sento pronto per la squadra che abbiamo, il centrodestra. E se mi accorgessi che c’è qualcuno migliore per dare risposte agli italiani, farei anche 18 passi indietro“. Il messaggio al Movimento è chiaro: “Vediamo se qualcuno dei 5 Stelle dopo queste settimane torna coi piedi per terra e viene a un tavolo a ragionare sulle cose da fare ma con la squadra che ha vinto, il centrodestra – ha detto Salvini – Coi veti e i bisticci non si va da nessuno parte, l’ho detto a Di Maio ma anche a Berlusconi“.

La situazione però “non è facile” perché “per quasi due mesi abbiamo avuto qualcuno che diceva di voler dialogare con tutti, ma che il premier lo faceva lui e comandava lui”. Un chiaro riferimento a Luigi Di Maio, senza citarlo mai, che “ha aperto due forni, ha girato 18 panetterie per piazzare il suo pane”. “Questo qualcuno – ha concluso il segretario della Lega – ha detto ‘o governo con la Lega o governo con il Pd’. Amico mio, non funziona così“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, cresce il fronte interno contro Renzi. Ma tutti confidano nella vendetta di Gentiloni (attaccato in tv dall’ex premier)

prev
Articolo Successivo

Governo, Salvini: “Preincarico? Pronto a dare un governo al Paese. Escluso il Pd, spero che il M5s torni sulla terra”

next