Cecilia Strada lascia Emergency. L’annuncio è arrivato con un lungo post su Facebook. “Si è conclusa la mia lunga avventura con Emergency“, scrive annunciando la fine del rapporto con l’organizzazione umanitaria fondata dal padre Gino Strada. “Sono stati anni importanti, difficili, entusiasmanti – scrive – è stato un privilegio per me fare il mio pezzettino per nutrire, crescere e portare nel mondo questa idea di medicina e diritti umani. È stata anche l’opportunità per conoscere tante persone straordinarie: grazie”.

Dopo la morte della madre Teresa Sarti nel 2009, Cecilia Strada era stata fino al luglio 2017 presidente dell’organizzazione. Dopo che articoli di stampa parlarono di un suo “siluramento” dall’associazione, lei stessa rispose con un comunicato spiegando che l’avvicendamento alla carica di presidente “è maturato nell’ambito di una normale dinamica di confronto interno” e Gino Strada definì tali notizie “illazioni, calunnie e falsità gravi”.

A Emergency Cecilia Strada ha rivolto “il solito augurio, quello che ha orientato la mia bussola in tutti questi anni: che diventi inutile, bella mia; che tu possa finalmente vedere gli ospedali di guerra svuotarsi di feriti e riempirsi di rose. Io continuerò in ogni modo a darmi da fare per lo stesso obiettivo, comunque prosegua la mia strada: avanti tutta. E buona giornata, a lei, a voi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, anziano aggredito ancora in coma: gip convalida fermo dell’aggressore

next
Articolo Successivo

25 aprile, a Macerata pentolaccia come piazzale Loreto: bimbi armati per bastonare il fantoccio di Mussolini

next