Cecilia Strada lascia Emergency. L’annuncio è arrivato con un lungo post su Facebook. “Si è conclusa la mia lunga avventura con Emergency“, scrive annunciando la fine del rapporto con l’organizzazione umanitaria fondata dal padre Gino Strada. “Sono stati anni importanti, difficili, entusiasmanti – scrive – è stato un privilegio per me fare il mio pezzettino per nutrire, crescere e portare nel mondo questa idea di medicina e diritti umani. È stata anche l’opportunità per conoscere tante persone straordinarie: grazie”.

Dopo la morte della madre Teresa Sarti nel 2009, Cecilia Strada era stata fino al luglio 2017 presidente dell’organizzazione. Dopo che articoli di stampa parlarono di un suo “siluramento” dall’associazione, lei stessa rispose con un comunicato spiegando che l’avvicendamento alla carica di presidente “è maturato nell’ambito di una normale dinamica di confronto interno” e Gino Strada definì tali notizie “illazioni, calunnie e falsità gravi”.

A Emergency Cecilia Strada ha rivolto “il solito augurio, quello che ha orientato la mia bussola in tutti questi anni: che diventi inutile, bella mia; che tu possa finalmente vedere gli ospedali di guerra svuotarsi di feriti e riempirsi di rose. Io continuerò in ogni modo a darmi da fare per lo stesso obiettivo, comunque prosegua la mia strada: avanti tutta. E buona giornata, a lei, a voi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, anziano aggredito ancora in coma: gip convalida fermo dell’aggressore

prev
Articolo Successivo

25 aprile, a Macerata pentolaccia come piazzale Loreto: bimbi armati per bastonare il fantoccio di Mussolini

next