È accaduto realmente. A Torino. Nella città sabauda, l’anagrafe ha registrato il figlio di due mamme. È la prima volta in Italia. E non sarà certo l’ultima. Così ha sentenziato giubilante Chiara Appendino: “Scritto un pezzo di storia”.

Sì, un pezzo della storia della distruzione della famiglia e del trionfo della nuova ingegneria del capitalismo integrale. Si tratta di un ulteriore momento di una logica spietata, che si sta realizzando con solerte continuità sotto i nostri occhi. È, in sintesi, la storia della distruzione capitalistica della famiglia. Ossia di quella che Hegel – definendola come “la Totalità più alta di cui la natura sia capace” – indicava come il fondamento primo di quella vita etica, di cui lo Stato sovrano è il compimento. Vita etica che si caratterizzata per la sua solidarietà comunitaria e che il turbocapitale già da tempo aspira a distruggere.

Il capitalismo globalista non accetta norme ed etica, padri e madri, cittadini e cittadine: vuole vedere ovunque consumatori unisex, cosmopoliti e sradicati, postfamiliari e postnazionali. Nel regno del capitale assoluto, tutto è merce: perfino i bambini e gli uteri delle donne. Alienazione dell’umano, avrebbe detto il vecchio e inascoltato Carlo Marx. Ma si sa: le sinistre e più in generale la politica non si occupano più, con Marx, del quarto stato. Si interessano ormai solo al terzo sesso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, la promozione degli scafisti: “Il viaggio dalla Tunisia all’Italia costa 1.200 euro. Ma se porti un amico non paghi”

next
Articolo Successivo

Roma, sull’immobile comunale il murale dedicato al boss ucciso: “Sei il nostro angelo”. In 5 anni nessuno lo ha rimosso

next