È accaduto realmente. A Torino. Nella città sabauda, l’anagrafe ha registrato il figlio di due mamme. È la prima volta in Italia. E non sarà certo l’ultima. Così ha sentenziato giubilante Chiara Appendino: “Scritto un pezzo di storia”.

Sì, un pezzo della storia della distruzione della famiglia e del trionfo della nuova ingegneria del capitalismo integrale. Si tratta di un ulteriore momento di una logica spietata, che si sta realizzando con solerte continuità sotto i nostri occhi. È, in sintesi, la storia della distruzione capitalistica della famiglia. Ossia di quella che Hegel – definendola come “la Totalità più alta di cui la natura sia capace” – indicava come il fondamento primo di quella vita etica, di cui lo Stato sovrano è il compimento. Vita etica che si caratterizzata per la sua solidarietà comunitaria e che il turbocapitale già da tempo aspira a distruggere.

Il capitalismo globalista non accetta norme ed etica, padri e madri, cittadini e cittadine: vuole vedere ovunque consumatori unisex, cosmopoliti e sradicati, postfamiliari e postnazionali. Nel regno del capitale assoluto, tutto è merce: perfino i bambini e gli uteri delle donne. Alienazione dell’umano, avrebbe detto il vecchio e inascoltato Carlo Marx. Ma si sa: le sinistre e più in generale la politica non si occupano più, con Marx, del quarto stato. Si interessano ormai solo al terzo sesso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, la promozione degli scafisti: “Il viaggio dalla Tunisia all’Italia costa 1.200 euro. Ma se porti un amico non paghi”

prev
Articolo Successivo

Roma, sull’immobile comunale il murale dedicato al boss ucciso: “Sei il nostro angelo”. In 5 anni nessuno lo ha rimosso

next