Innamorati  di Virginia Raggi“. E’ il nome di una pagina Facebook dedicata alla sindaca di Roma e che in queste ore celebra più di sempre la bellezza della prima cittadina in versione “abito da sera”. Perché la Raggi ha partecipato al Dinner Gala a Villa Miani e, come lei stessa scrive su Instagram, lo ha fatto indossando un abito della maison Balestra. Un post, quello della sindaca, degno di una fashion blogger, con tanto di “caption” (didascalia con spiegazione e brand) e tag. E proprio sul “credito” alla casa di moda ci sono state non poche polemiche: in molti sostengono infatti che questo atteggiamento sia adeguato magari a Chiara Ferragni ma non alla sindaca di Roma. Che può, anche secondo chi la critica, indossare il vestito che vuole ma senza sottolinearlo nelle didascalie di Instagram. E il Comune di Roma, contattato dal Fattoquotidiano.it, ha fatto sapere che la sindaca “veste ogni volta con un abito diverso di una firma romana. Comunque non commentiamo”.

L’abito, blu, con corpetto e mantello e fiori tono su tono,  fa assomigliare la sindaca a un personaggio Disney che sta Zelda e Elsa di Frozen. In molti hanno apprezzato il look, ma sono tanti anche i commentatori che invece non hanno gradito l’abito e si sono divertiti a sfornare dei meme con protagonista la “principessa Virginia”. “Sei bellissima”, scrivono in tanti. “Con rispetto… Inguardabile”, rilancia un altro utente Instagram.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Conchita Wurst: “Sono sieropositiva da molti anni”

next
Articolo Successivo

Germania, archeologo dilettante e 13enne scoprono il tesoro del re danese Aroldo “Dente azzurro”

next