Un video, pubblicato sui social network e diventato virale, mostra due agenti motociclisti della Questura di Napoli picchiare in strada un giovane appena fermato. il filmato è stato registrato da una persona che è dietro una cancellata. Nelle immagini gli agenti, appena scesi dalle loro moto, si avvicinano al ragazzo immobile sul marciapiede, verosimilmente al termine di un inseguimento. Uno degli agenti, senza proferire parola, si avvicina e lo colpisce alla testa con uno schiaffo, seguito dal collega che oltre a schiaffeggiarlo gli rivolge anche delle pesanti ingiurie gridando: “Adesso devi correre, adesso devi correr.”, dice in dialetto il poliziotto che continua a colpirlo e a proferire offese. “Stavo lavorando, stavo lavorando, per favore”, replica il ragazzo. “Ma quale favore, tu te ne sei scappato”, dice l’agente. “Stavo lavorando”, dice ancora il ragazzo che, dalle immagini, sembra ricevere anche uno sputo dal poliziotto. L’agente inizia la perquisizione e a rovistare in una busta bianca tenuta tra le mani dal giovane mentre al collega chiede di far intervenire una pattuglia. “Sto lavorando, per favore”, dice ancora il ragazzo all’agente che risponde: “Non me ne importa, te ne sei andato e adesso sono problemi tuoi”. Dopo la pubblicazione e la diffusione del video il questore di Napoli, Antonio De Iesu, ha annunciato “rigorosi accertamenti ai fini della valutazione di pertinenti responsabilità disciplinari ed eventualmente anche di carattere penale”. Si tratta di due agenti motociclisti i cui “comportamenti deontologicamente non corretti non possono offuscare la costante ed impegnativa attività di Polizia”, ha aggiunto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vaticano, arrestato per possesso di pedopornografia l’ex consigliere a Washington monsignor Capella

prev
Articolo Successivo

Una ‘querela-bavaglio’ da 39 milioni di euro per intimidire Nello Trocchia

next