Alza la media degli spettatori del canale, però può andarsene in vacanza con largo anticipo. Oggi Maurizio Belpietro lascia Dalla vostra parte, il programma pre-serale di Rete4 che da lunedì cambia completamente: nuovo conduttore, nuovo nome e pure nuovi temi. Almeno fino a settembre, ma forse anche un po’ più in là, magari in autunno. Un fulmine a ciel sereno per il direttore de La Verità, che con Dalla vostra parte ha messo il microfono davanti alla “pancia della gente” parlando di immigrazione, sicurezza, vitalizi e banche. Avrebbe dovuto essere così fino al 29 luglio, prima della consueta pausa estiva.

Invece, come anticipato giovedì da Tiscali, da lunedì prossimo in conduzione ci sarà Marcello Vinonuovo, giovane volto di Mediaset, e il programma – che si chiamerà Dalla vostra parte-Le storie – cambierà anche il format. Stop alle piazze e ai politici, si vira sulla cronaca con 50 giorni di anticipo. Una svolta non attesa, almeno in questi giorni. E però quei temi sui quali Belpietro ha spinto il suo programma sono molto cari da una parte alla Lega Nord di Matteo Salvini (immigrazione e sicurezza) e al Movimento Cinque Stelle (vitalizi e banche). Da qui, si racconta, è nata l’urgenza di accelerare la virata.

La decisione è maturata la scorsa settimana, mentre si concretizzava l’accordo sulla nuova legge elettorale tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi. Tanti cari saluti a Belpietro – che sul suo quotidiano è stato molto critico nei confronti sia del segretario del Pd che del ‘tedesco’ – e spazio alla cronaca, più leggera ed estiva. E sicuramente ‘ininfluente’ sotto il profilo politico nel momento in cui dovesse aprirsi la campagna elettorale. Resta ora da capire se e quando il direttore de La Verità tornerà davanti alle telecamere: c’è chi scommette che non accadrà in concomitanza con la fine dei palinsesti estivi, ma un po’ dopo. E cosa accadrà a Quinta Colonna, il programma ‘padre’ di Dalla vostra parte, a cui la politica e i toni molto pop sono altrettanto cari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, Orfeo è il nuovo direttore generale. Freccero contrario, M5s: “Golpe renziano”

prev
Articolo Successivo

FqMillennium, sabato in edicola il secondo numero. Gomez: “Vi sveliamo la macchina del consenso di Putin”

next