A QUIET PLACE di e con John Krasinski. Con Emily Blunt,  Millicent Simmonds, Noah Jupe. Usa 2018. Durata 95’. Voto: 4/5 (DT)

Stay silent, stay alive. Nel 2020, in una cittadina imprecisata della provincia americana completamente disabitata tre bambini e una coppia di adulti si muovono scalzi tra le corsie di un supermarket devastato. Un pannello nero recita “giorno 89”. Tutti camminano senza provocare alcun rumore, mentre la parola è bandita a favore del linguaggio dei segni. Chi parla anche sottovoce, chi provoca un suono percepibile oltre i 20/30 decibel finisce straziato e divorato da lestissimi e ipersensibili mostri che piombano in pochi secondi sull’uomo/animale preda. Scorre il pannello “giorno 472” e tra campi arati, piantagioni, silos e una casa di campagna dove si è stabilita la silenziosa famigliola, scopriamo che mamma Evelyn è incinta… Sorprendente horror senza dialoghi per oltre tre quarti d’ora che spiazza per la soluzione stilistica radicale da film “muto”. Lo script è snello e compatto senza esplicativi sottotesti (se non qualche cenno di spiegazione sullo scenario post apocalittico in cui ci si trova). Gli attori grintosi (sette in tutto, comprese le comparse) lavorano egregiamente sui micromovimenti del viso per comunicare emozioni (gli occhi spalancati, le vene della fronte che si ingrossano). La messa in scena immersiva voluta dell’attore/regista Krasinski spinge fin da subito lo spettatore in uno spazio del racconto credibile e familiare, costruito con pochi e accorti movimenti di macchina, dove vivrà in prima persona le regole ferree del silenzio e le conseguenze mortali del terrore vissuto dai protagonisti. Effetti speciali dell’Industrial Light &Magic.

Film in uscita al cinema, cosa vedere e non nel fine settimana del 6 aprile

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dopo la guerra, brigatisti in fuga e omicidio Biagi. Annarita Zambrano fa rivivere la ferita mai rimarginata del terrorismo italiano in un film con Giuseppe Battiston

prev
Articolo Successivo

Il giovane Marx al cinema, lo vedano soprattutto i suoi odierni traditori

next