“Avevo un’attività commerciale in questa piazza ma l’ho dovuta spostare in centro perché dopo le cinque di sera la clientela non veniva più, sia per il buio ma anche per la presenza degli stranieri nell’ex Moi, e così sta succedendo a tante altre attività del quartiere”. così commenta le ragioni del presidio per richiedere lo sgombero delle palazzine dell’ex Moi, una commerciante della zona attorno a piazza Garimberti, ora militante di CasaPound.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sacchetti bio a pagamento, Consiglio di Stato: “Si possono portare da casa”

prev
Articolo Successivo

Ficarra, indagati 23 dipendenti comunali su 40 per assenteismo. “Al mercato in orario di lavoro. Sistema patologico”

next