A volte ci vuole un po’ di fantasia per sopperire alla disorganizzazione. E così ha fatto un giudice di Palermo che invece di arrendersi ha trovato una soluzione anche se di fortuna. Mancando il personale autorizzato per fare funzionare il montascale un disabile costretto sulla sedia a rotelle non poteva raggiungere l’aula di udienza. E così il giudice ha deciso di a raggiungere il portatore di handicap e a celebrare l’udienza sulla scale. È tutto avvenuto questa mattina in un ufficio distaccato del tribunale di Palermo, in via Donizetti, dove un disabile si è presentato in udienza per costituirsi parte civile in un processo per aggressione.

A raccontare l’episodio è l’avvocato Giorgio Bisagna, che difende il disabile. “Il mio cliente si doveva costituire parte civile in un processo per una aggressione che aveva subito – spiega Bisagna all’Adnkronos – ma per raggiungere i locali del giudice di pace di via Donizetti, bisogna utilizzare un montascale. Però non c’era nessuno autorizzato per utilizzarle. Io l’ho fatto presenta al giudice Antonio Cutaia che, per potere celebrare l’udienza, è sceso per le scale e ha raggiunto me e il mio cliente”. Solo a quel punto si è potuta svolgere l’udienza.

Il giudice Cutaia ha verbalizzato il trasferimento dell’udienza e ha potuto celebrare l’udienza per la costituzione di parte civile dell’uomo.
Trovo scandaloso che in un ufficio del tribunale di Palermo venga negato di fatto l’accesso ai portatori di handicap e che ci si debba affidare alla buona volontà dei giudici che si deve sostituire alle gravissime carenze istituzionali”. Bisagna ha annunciato che scriverà al Presidente del Tribunale Salvatore Di Vitale “per segnalare l’accaduto scandaloso e per accertare eventuali responsabilità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Discriminazioni, l’indagine di Amnesty: ancora troppi italiani minimizzano i dati su violenza di genere, omofobia e bulli

prev
Articolo Successivo

Rom, nel 2012 promettevamo di ‘Superare i campi’. Oggi, nelle baraccopoli ce ne sono 26mila

next