Un fiume attraversa la Capitale, ma a volte i romani se ne scordano. “Siamo riusciti a spingere le istituzioni a fare un focus sul fiume”, racconta a ilfattoquotidiano.it Paola Verdinelli, presidente di Agenda Tevere, Onlus che riunisce molte associazioni di tematiche diverse – sportive, ambientaliste, culturali, che si occupano di architettura e paesaggio, di ciclisti – e che “non ha il compito di aggredire le istituzioni per quello che hanno fatto e non fatto, ma di suggerire iniziative per trasformare finalmente il Tevere”. Tanti sono i soggetti protagonisti della complessa gestione del fiume: “Un coacervo complesso”, dice la presidente, “che va dalla Regione Lazio ai comuni di Roma e Fiumicino, dalla Guardia Costiera all’Autorità di Bacino, passando per tantissime altre realtà a vario titolo coinvolte”.

Agenda Tevere ha “ottenuto dal Comune la costituzione di un ufficio speciale per il Tevere, incardinato nella direzione generale e quindi alle dirette dipendenze della sindaca”, dice ancora Verdinelli. “E la regione ha creato un ufficio per le bonifiche e il contratti di Fiume, strumento normativo “fondamentale di programmazione strategica per restituire al fiume un ruolo centrale”.

Già, perché il Tevere di problemi ne ha, eccome: “L’area di Ponte Milvio si è allagata nel 1937 a causa di una piena straordinaria che si presenta ogni 100/200 anni”, spiega dall’Autorità di bacino Stefano Pesce. “Teoricamente potrebbe ripresentarsi tra 20/30 anni. E ad oggi non c’è una messa in sicurezza: l’unica possibilità è evacuare”. Autorità di bacino ha realizzato, “in collaborazione con Roma Capitale”, uno studio di fattibilità sulle aree più a rischio relative ai fossi che confluiscono nel Tevere e nell’Aniene “e sugli interventi per mitigare il rischio”, dice ancora Pesce. “Ora la palla passa alla politica, alla Regione Lazio e a Roma Capitale per la parte progettuale e di finanziamento”.

“I muraglioni altissimi e le scalinate ripide, insieme a un Lungotevere perennemente trafficato, creano una barriera che rende l’esperienza dei romani con il fiume inesistente”, dice Federico Occhionero dell’associazione Salvaiciclisti. La pista ciclabile – la Regina Ciclarum, che da Prima Porta arriva a Fiumicino – ha le sue criticità. “Le paline metalliche che un tempo davano indicazioni sono state abbandonate alla ruggine”, dice Occhionero. “Nessuno, turisti e romani, sa se c’è una fontanella o un bar lungo il percorso”. Ci sono le biciclette del “flusso libero”, noleggiabili e parcheggiabili dappertutto. Alcune affiorano tristemente dall’acqua del fiume, con tanto di app che le geolocalizza in mezzo al Tevere.

E poi ci sono le panchine distrutte, gli idrometri abbandonati alle erbacce, le discariche abusive, gli insediamenti abusivi lungo buona parte del corso del Tevere, soprattutto all’altezza del viadotto della Magliana e ora del Gasometro e del Ponte delle Scienze. E “la manutenzione praticamente inesistente” degli spazi. Nel 2016, all’altezza di Ponte Sublicio, è crollato un tratto di muraglione. “Non si sapeva se a dover rimuovere i massi dovesse essere comune o regione. Ad oggi la pista ciclabile è ancora parzialmente ostruita dai new jersey messi a protezione del muraglione”, racconta Sabina Grisoli di Salvaiciclisti. “Che potrebbe ancora franare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piemonte, frana travolge auto in val d’Ossola: morti i due svizzeri a bordo

next
Articolo Successivo

Sibari-Sila, viaggio nell’incompiuta da 48 milioni di euro. Un cantiere abbandonato tra ruggine e ponti mai terminati

next