Il bando per i diritti tv della Serie A di MediaPro è saltato: il primo effetto dell’accordo tra Sky e Mediaset è quello di gettare nel caos il calcio italiano. Nel risiko delle pay-tv ci sono interessi economici che vanno ben oltre il pallone, ma intanto per il nostro campionato si profila uno scenario di incertezza e scontro totale, di cui è impossibile prevedere gli esiti. Di sicuro c’è solo che tutto il sistema-calcio si regge sul miliardo di euro e passa che negli ultimi dieci anni è sempre arrivato dalle televisioni, in un regime di sostanziale duopolio che pur con le sue storture aveva funzionato: ora che i concorrenti da due diventano (o diventeranno presto: la strada pare tracciata) praticamente uno solo, e non si sa più quanti soldi arriveranno e da chi, rischia di saltare tutto il carrozzone.

È questo lo scenario che terrorizza i club di Serie A, e ancor più i dirigenti di MediaPro, la società di Barcellona che si è aggiudicata i diritti del nostro campionato per i prossimi tre anni alla cifra record di 1,05 miliardi a stagione. Gli spagnoli devono rivenderli come intermediari, ed entro martedì avrebbero dovuto pubblicare il bando rivolto agli operatori: non se ne farà più nulla, dopo l’accordo Sky-Mediaset. Il Biscione ospiterà sulle sue frequenze sul digitale terrestre un bouquet dell’offerta sportiva di Sky: il calcio pare escluso (così assicurano le parti al momento, almeno), ma è chiaro che le carte in tavola sono completamente cambiate. I pacchetti preparati dagli spagnoli erano rivolti a tre operatori: uno (Mediaset) quasi non c’è più, l’altro (Sky) è dichiaratamente ostile e ancor meno interessato a svenarsi per un prodotto senza concorrenza, adesso che ha raggiunto un’intesa con i suoi rivali storici. Il bando sarebbe inutile. Tutto congelato, in attesa dell’incontro della verità tra MediaPro e Sky: i vertici dei due colossi si vedranno subito dopo Pasqua (forse addirittura già martedì), ma alla luce degli ultimi sviluppi un accordo pare ancora più lontano.

I calcoli degli spagnoli prevedevano di incassare circa 650-700 milioni da Sky e 200 da Mediaset (il resto dallo streaming) per rientrare dell’investimento. Se a questo punto gli uomini di Murdoch risponderanno picche, a MediaPro non resterà che tornare alla carica con i presidenti della Serie A per fare il canale della Lega (a cui l’Antitrust per altro ha già detto di no). Il loro piano è il seguente: rinunciare all’assegnazione dei diritti come intermediari, per firmare un altro accordo privato in cui la Lega si fa editore del nuovo canale, e MediaPro ne diventa partner industriale, mettendo a disposizione le sue strutture e competenze. L’operazione è spericolata, la strada strettissima (immaginate la corsa contro il tempo per essere pronti ad agosto), il rischio di finire in tribunale praticamente scontato: Sky farebbe ricorso immediato. Ammesso che la Lega commissariata da Giovanni Malagò (dove la fronda pro-Sky capitanata da Juventus e Roma è molto forte) sia d’accordo. In caso contrario cosa faranno gli spagnoli? Hanno già versato 50 milioni di caparra: depositeranno anche la fidejussione milardaria, che serve come il pane alle società di Serie A per farsi anticipare dalle banche i soldi per la prossima stagione?

Nella battaglia diritti tv del pallone la mossa di Sky assomiglia tanto ad uno scacco matto. I sindacati si preoccupano per il futuro di tecnici e operatori che una eventuale fusione metterebbe a repentaglio (“Vigileremo sulla salvaguardia dell’occupazione, in particolare sul versante Mediaset Premium i cui addetti operativi sono oltre 180 lavoratrici e lavoratori a cui su aggiungono i giornalisti”, afferma Pierpaolo Mischi, segretario della Uilcom). I tifosi non sanno ancora dove vedranno il campionato, a 4 mesi dall’inizio della prossima stagione. Ma la più spaventata di tutti è MediaPro: si è comprata la Serie A per un miliardo, e adesso non sa più che farsene.

Twitter: @lVendemiale

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondonico, una vita per il pallone. Ecco la carriera del re del “buon calcio di provincia”

prev
Articolo Successivo

Ten Talking Points, campionato chiuso. E se fossi Mattarella darei l’incarico al randellatore Cassata del Sassuolo

next