L'”effetto traino” non è svanito. Se si tornasse a votare oggi, a quasi un mese dalle politiche del 4 marzo, il Movimento 5 stelle e la Lega aumenterebbero i propri voti. Una tendenza a premiare chi ha vinto le elezioni che era già stata registrata una settimana fa e si conferma negli ultimi sondaggi di Index Research per Piazzapulita. Le intenzione di voto convergono stabilmente verso i 5 Stelle, che perdono uno 0,3% ma rimangono al 34,6 per cento, e il Carroccio, ormai leader incontrastato del centrodestra con il 23,5%. Così come si consolida il crollo degli sconfitti: il Partito democratico è al 17,7%, risultato persino peggiore del 18,7 ottenuto alle urne, mentre Forza Italia è data ancora intorno all’11%, come già certificava il crollo registrato sette giorni fa.

Dopo le elezioni dei presidenti e vice-presidenti di Camera e Senato e in attesa delle consultazioni al Quirinale, non è cambiato quasi nulla. Le intenzioni di voto indicano un duopolio tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini, gli attori protagonisti del post-elezioni. Il Pd, sospeso tra la linea di opposizione e chi vorrebbe aprire al dialogo, non si riprende dal crollo del 4 marzo. Così come gli altri partitini della coalizione di centrosinistra, complessivamente stagnanti al 3 per cento. Pure Liberi e Uguali va male e non supera il 2%. Gli alleati della Lega pagano l’exploit di Salvini: se Fi ha perso 3 punti in meno di un mese, anche Fratelli d’Italia (3,4) e Noi con l’Italia (0,4) sono in caduta libera.

Il trend registrato da Index vine confermato, seppur con numeri diversi, anche dagli altri più recenti sondaggi. Il 34,2% degli intervistati da Tecné per la trasmissione Matrix voterebbe oggi per il M5s. Il 19,2% sceglierebbero la Lega di Salvini e il 19% il Pd. Al quarto posto Forza Italia con il 13,6%. L’Istituto Piepoli ha chiesto invece agli italiani chi vorrebbero come prossimo premier in un sondaggio pubblicato il 28 marzo su La Stampa: Di Maio vince il duello con Salvini e ha il 25% delle preferenze, mentre davanti al leader del Carroccio (19%) c’è l’ex primo ministro, Paolo Gentiloni, con il 20%.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Orlando: “Non basta dire ‘tocca a loro’. Con M5s dialogo è doveroso. Tutti rinuncino a potere interdizione”

next
Articolo Successivo

Elezioni amministrative il 10 giugno, ballottaggi il 24. Si vota in 800 Comuni

next