Roberto è un istruttore di guida vessato, sua moglie Marisa un’ansiogena operatrice volontaria. Vita grama e grigia, appena movimentata dall’incubo notturno di lei di un’invasione di scarafaggi. Tra figli, nuore e suoceri da tenere a bada i due finiscono loro malgrado nella spirale illegale dell’ “Accùppatura”, ovvero la casa diventa un temporaneo deposito pacchi dal contenuto misterioso lasciati lì da loschi criminali. Se mai gli venisse idea di denunciare qualcuno rischierebbero l’osso del collo.

Bob & Marys è il secondo lungometraggio di Francesco Prisco, autore di diversi script tra cui Gomorroide – Il film e Vieni a vivere a Napoli, in sala grazie a Videa dal 5 aprile 2018. Coppia inedita e buffa per questa strampalata black comedy: Roberto è interpretato da Rocco Papaleo, mentre Marys è Laura Morante, “L’idea del film prende spunto da una vicenda vera che mi ha letteralmente folgorato”, ha spiegato il regista. “Ho voluto subito approfondire, conoscere i veri protagonisti, capirne di più. Ovviamente, a causa della limacciosità delle acque nelle quali si agitava la vicenda originale, mi era stato chiesto di non farne parola con nessuno. E io, tenendo fede al patto preso, non ne ho parlato, ma ci ho scritto una sceneggiatura e ne ho fatto un film”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Quanto basta, la strana e divertente coppia di cuochi che arriverà in sala il 5 aprile 2018

prev
Articolo Successivo

Loro, il primo trailer ufficiale del film di Sorrentino su Berlusconi. L’opera uscirà in due parti

next