Paolo Sorrentino riparte da Totò. È online il primo trailer ufficiale di Loro 1. Ed è subito una strimpellata Berlusconi-Mariano Apicella, a bordo piscina, sulle note di Malafemmena, con ieratiche carrellate riassuntive di mezzi busti sul codazzo di olgettine, cuori infranti, amanti, utilizzatori finali. Tutti rapiti e rapite ad osservare il Caimano/Servillo in profondità di campo. “Pecché ‘ncopp’a sta terra/Femmene comme a te/Non ce hanna sta pé n’ommo/Onesto comme a me”.

L’attesa, dopo le prime immagini del 12 marzo, per l’ottavo film del regista napoletano si accorcia ulteriormente. Loro sarà diviso in due parti: la prima – Loro 1 – uscirà nelle sale italiane il 24 aprile 2018 e la seconda – Loro 2 – il 10 maggio proprio a cavallo dell’inizio del prossimo festival di Cannes dove il film sarà sicuramente in Concorso. In Italia i due film saranno distribuiti da Universal Pictures International Italy per Focus Features, mentre Pathé curerà le vendite internazionali. Diretti da Paolo Sorrentino e scritti insieme a Umberto Contarello (This must be the place, La grande bellezza) Loro 1 e Loro 2 vedono Luca Bigazzi alla fotografia, il sodale Cristiano Travaglioli al montaggio e Lele Marchitelli alle musiche.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bob & Marys, Rocco Papaleo e Laura Morante contro i criminali a domicilio. Il regista: “Una storia vera”

prev
Articolo Successivo

Caro Antonio Albanese, Contromano è un film che non funziona e le spieghiamo il perché

next