“Gli italiani hanno deciso di voltare pagina e di dire addio alla vecchia politica, premiando i due partiti che forse sono più vicini alla gente”. Sono le parole di Flavio Briatore, intervistato da Massimo Giletti a Non è L’arena (La7). E aggiunge: “La piattaforma dei 5 Stelle era molto efficace e Salvini ha fatto un superlavoro, quindi credo che debbano comandare. Berlusconi? Ha fatto il bene del Paese. Il problema è che, dopo la bocciatura del referendum costituzionale, nessuno comanda. In questo Paese cambi una roba e non riesci mai a cambiare un’altra. Non riusciamo mai a trasformare i propositi in realtà, diciamo sempre tante chiacchiere. Siamo campioni del mondo nelle chiacchiere” – continua – “Vedi il M5s che in campagna elettorale ha parlato di reddito di cittadinanza, gli altri invece di flat tax. Nessuno dei due provvedimenti ha nessun senso. La flat tax è ingiusta, perché chi ha più soldi deve pagare di più. Non è giusto nemmeno il reddito di cittadinanza, cioè assistenzialismo al Sud. E intanto nessuno di questi partiti ha mai parlato di turismo”. L’imprenditore torna poi su Berlusconi: “Cosa lo spinge a essere ancora in campo? La passione e l’abitudine, lui ha la politica nel sangue. Spera ancora che questo Paese torni a essere governabile. E’ un uomo realista”. E attacca i 5 Stelle: “Anche loro si sono inquinati con la politica, però non si capisce perché non vogliano parlare con Berlusconi. Queste cose non fanno bene. Loro sono stati eletti e devono parlare con tutti”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Flat tax, bagarre tra Meli e Storace. Il conduttore fa suonare il gong e commenta: “Mi state facendo impazzire”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Scanzi: “Grillusconi? Sciocchezza titanica. Se M5s accetta alleanza con Berlusconi, è morto”

next