“Gli italiani hanno deciso di voltare pagina e di dire addio alla vecchia politica, premiando i due partiti che forse sono più vicini alla gente”. Sono le parole di Flavio Briatore, intervistato da Massimo Giletti a Non è L’arena (La7). E aggiunge: “La piattaforma dei 5 Stelle era molto efficace e Salvini ha fatto un superlavoro, quindi credo che debbano comandare. Berlusconi? Ha fatto il bene del Paese. Il problema è che, dopo la bocciatura del referendum costituzionale, nessuno comanda. In questo Paese cambi una roba e non riesci mai a cambiare un’altra. Non riusciamo mai a trasformare i propositi in realtà, diciamo sempre tante chiacchiere. Siamo campioni del mondo nelle chiacchiere” – continua – “Vedi il M5s che in campagna elettorale ha parlato di reddito di cittadinanza, gli altri invece di flat tax. Nessuno dei due provvedimenti ha nessun senso. La flat tax è ingiusta, perché chi ha più soldi deve pagare di più. Non è giusto nemmeno il reddito di cittadinanza, cioè assistenzialismo al Sud. E intanto nessuno di questi partiti ha mai parlato di turismo”. L’imprenditore torna poi su Berlusconi: “Cosa lo spinge a essere ancora in campo? La passione e l’abitudine, lui ha la politica nel sangue. Spera ancora che questo Paese torni a essere governabile. E’ un uomo realista”. E attacca i 5 Stelle: “Anche loro si sono inquinati con la politica, però non si capisce perché non vogliano parlare con Berlusconi. Queste cose non fanno bene. Loro sono stati eletti e devono parlare con tutti”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Flat tax, bagarre tra Meli e Storace. Il conduttore fa suonare il gong e commenta: “Mi state facendo impazzire”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Scanzi: “Grillusconi? Sciocchezza titanica. Se M5s accetta alleanza con Berlusconi, è morto”

next