Norbert Feher ha deciso di non rispondere ai magistrati italiani e ha avuto un comportamento “cinico e sprezzante” durante l’interrogatorio in carcere a Saragozza con gli inquirenti. Per il killer serbo, conosciuto come Igor il Russo, ha annunciato il procuratore di Bologna Giuseppe Amato, verrà “probabilmente” chiesto il processo immediato. In ogni caso, ha detto il capo della procura emiliana, “lo manderemo a giudizio a brevissimo”.

La trasferta, ha spiegato, è stata comunque “utile”. In particolare dalla Guardia Civil sarebbero stati acquisiti elementi sul tema dei possibili complici di Igor, che saranno valutati in ordine alla possibilità di contestare il favoreggiamento per fatti commessi in Italia. Imponenti le misure di sicurezza: nel breve tragitto dalla cella all’aula, dove si è avvalso della facoltà di non rispondere, è stato scortato da tre agenti con giubbotti ‘anti-lesioni’ che lo tenevano ammanettato.

Norbert Feher è stato arrestato in Spagna lo scorso 15 dicembre, dopo un conflitto a fuoco avvenuto vicino a Saragozza, nella quale sono morte tre persone. Due delle vittime erano agenti della Guardia Civil, mentre il terzo era un testimone che accompagnava gli agenti nella ricerca di un uomo che il 5 dicembre aveva assaltato una fattoria e aveva ferito due persone. Al momento della cattura, Igor era vestito in uniforme e pesantemente armato. 

La scorsa primavera, Feher si era reso protagonista dell’omicidio del barista di Budrio Davide Fabbri e della guardia volontaria Valerio Verri durante il suo tentativo di fuga. L’uomo era riuscito a ‘scomparire’ nelle campagne emiliane, facendo perdere le proprie tracce nonostante l’imponente caccia all’uomo che aveva impegnato centinaia di uomini delle forze dell’ordine. Dopo 8 mesi, l’uomo era ricomparso in Spagna, dove – secondo le sue rivelazioni agli inquirenti spagnoli – sarebbe arrivato in bicicletta.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gelataia vs Salvini: “Non gli ho parlato, né gli ho dato del razzista. Ho chiesto a collega di sostituirmi”

next
Articolo Successivo

Vaticano, perché le dimissioni di Viganò sono la prima vera sconfitta di Papa Francesco

next