“L’epoca del vaffa è finita, ma quella degli inciuci non comincerà”. Sono le parole di Beppe Grillo che, mentre a Roma continuano le trattative per l’elezione dei presidenti delle Camere e in cerca di una maggioranza di governo, ha deciso di rilasciare un’intervista a Repubblica poco prima del suo spettacolo a Verona. Il garante M5s, che da qualche mese ha ceduto il ruolo di capo politico a Luigi Di Maio, ha parlato anche del suo ruolo: “Io non capisco più cosa è vero e cosa finto, se sono ancora il padre spirituale di un movimento oppure no. Non mollo, ma adesso un capo politico c’è e certe risposte deve darle lui”. E ancora: “Sono come una prostituta in una città senza marciapiedi: non so dove collocarmi”. In ogni caso, conclude citando le frasi usate in un suo recente post, “continuerò a essere la voce di chi fatica ad andare avanti e dei militanti che lottano per cambiare l’Italia, l’Europa e il mondo. E terrò gli occhi aperti su tutto, anche su di noi”.

Grillo quindi, dice di non dormire e di riflettere su quello che ora spetta fare al Movimento e non solo. “Adesso la responsabilità di tutti è dare all’Italia una visione per i prossimi vent’anni. Governare è affrontare il futuro con chi condivide una visione, non dividere le poltrone e poi scoprire di non avere una visione, tantomeno comune”. Il garante M5s già nei giorni scorsi, con un video pubblicato sul suo blog, aveva ribadito l’importanza del Movimento di evolvere: “La specie che sopravvive, anche in politica, non è la più forte, ma quella che si adatta meglio. Noi siamo un po’ democristiani, un po’ di destra, un po’ di sinistra, un po’ di centro. Possiamo adattarci a qualsiasi cosa. A patto che si affermino le nostre idee”.

Alle domande su cosa e come dovrebbe agire il M5s in questo momento, Grillo ripete l’importanza di concentrarci sui temi: “A noi preme affermare una visione per i prossimi vent’anni, definire la vocazione e il ruolo dell’Italia nel lungo periodo e in tutti i settori, dalla cultura all’economia. La priorità sono i giovani e gli anziani, chi più è stato lasciato solo”, spiega il comico. “L’Italia ora deve riconquistare una visione lunga, a vent’anni. La sfida è cambiare il sistema culturale, il modo di pensare”, aggiunge il cofondatore del M5s, secondo cui “dopo quello è successo, è tempo di uscire in mare aperto e di rovesciare gli schemi”. Sulle preoccupazioni di alcuni leader Ue, “l’Europa deve rimettersi insieme, ma in modo nuovo. Il problema non è lo spazio comune, ma il modo in cui viene interpretato. In ogni caso – assicura Grillo – non vedo ragioni per gli allarmi. Vi sembra che quella attuale sia una Europa difendibile, vicina alle persone? Parla dell’Italia e non vede il mondo”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Veltroni critica precarietà, solitudine e povertà. Ma non fa due più due

next
Articolo Successivo

Di Maio alla prima riunione dei senatori M5s: “Dei ministri si parla con il Colle, dei temi con i partiti”

next