Beppe Grillo non si è presentato all’udienza a Roma che lo vedeva testimone nel processo per diffamazione contro l’ex consigliere regionale M5s dell’Emilia Romagna Giovanni Favia. L’udienza è stata rinviata al 9 luglio. “Legittimo impedimento per impegni lavorativi”, è stata la comunicazione inviata al tribunale dal garante M5s che si trovava il 18 marzo a Villafranca di Verona per uno spettacolo.

Favia, espulso dal Movimento nel 2012 in seguito al fuori onda trasmesso da “Piazzapulita” in cui criticava la mancanza di democrazia interna, era stato querelato nel 2014 da Gianroberto Casaleggio. Il cofondatore M5s, deceduto ad aprile 2016, aveva deciso di querelare Favia dopo un editoriale, pubblicato sul quotidiano “Il Tempo”, in cui l’ex consigliere emiliano-romagnolo del M5s accusava la presunta scarsa chiarezza nei bilanci e parlava di “flussi finanziari non trasparenti tra la Casaleggio Associati e Grillo”. Nel procedimento si è costituito parte civile Davide Casaleggio. “Stanno sfuggendo al processo che hanno voluto loro”, ha dichiarato Favia all’agenza Adnkronos.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pistoia, ex sindaco di Pescia si ricandida dopo l’arresto: è imputato per peculato. Quattromila firme a suo sostegno

next
Articolo Successivo

Camera a M5S, La Russa: “Non ci sono atti dovuti. Non metto preclusioni alla discussione”

next