Manifestazione di protesta del comitato genitori bimbi trapiantati che hanno bloccato l’uscita dell’ospedale Monaldi di Napoli. I genitori manifestano contro quelle che definiscono “le bugie” della Regione Campania e della direzione del Monaldi riguardo l’assistenza fornita ai piccoli pazienti. Il comitato denuncia che lunedì 12 marzo è morto un bimbo di 13 anni ricoverato in un reparto per adulti e rivolge un appello al Capo dello Stato Sergio Mattarella. La protesta – spiegano i rappresentanti del comitato – nasce dalla chiusura del reparto di Cardiologia e di Terapia intensiva pediatrica. “Un reparto – dice Dafne Palmieri, presidente del comitato oggi al settimo giorno di sciopero della fame – la cui attività è sospesa da mesi e ai nostri figli non è garantita nemmeno l’adeguata assistenza pediatrica post intervento che deve essere fornita seguendo precisi protocolli di cura di cui non si ha alcuna notizia”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alto Adige, ritrovato il corpo dello sciatore 20enne disperso in val Badia: è il figlio del sindaco di Corvara

prev
Articolo Successivo

Taranto, Anac: “Anomalie negli appalti dell’hotspot migranti. Troppe proroghe e affidamenti diretti in maniera impropria”

next