“Chi sarà il prossimo segretario del Pd? Interpretare i manicomi è difficilissimo. Dipende da chi prende il potere”. Sono le parole del direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, ospite di Tagadà (La7). “Se vince l’ala governista” – spiega – “cioè di quelli anche più ragionevoli, secondo cui, come ha detto Franceschini, un ritorno alle urne porterebbe il Pd al 5% – 10%, ingrossando le fila del M5s e della Lega, allora se la vedranno Franceschini o Gentiloni o qualcuno dei loro. Se vince Renzi per interposta persona, possono tentare una soluzione Delrio. C’è, però, sempre Nicola Zingaretti, che ha detto che forse si candida, anche se pensava alle primarie, perché era legato alle regole del Pd. Adesso pare improvvisamente che le primarie facciano schifo”. E aggiunge: “Sembra proprio che quei caminetti, che Renzi aveva evocato con orrore nella sua conferenza stampa dopo le elezioni, in realtà siano il luogo dove si sceglierà il nuovo leader. Hai voglia quanta legna stanno portando nei caminetti”. Travaglio poi commenta la direzione del Pd: “Ho avuto l’impressione di un partito che non è in grado di discutere, perché c’è un padrone, cioè Renzi, e ci sono altri che vorrebbero sempre contestargli qualcosa, ma poi non hanno gli attributi per farlo. E quindi si mettono sempre a cuccia, aspettando il verbo. Non c’è un leader in grado di prendere il posto di Renzi e quindi si sono tutti adattati a una reggenza un po’ imbarazzante. Maurizio Martina” – continua – “è una brava persona, ma l’idea che il Pd possa essere guidato da lui fa abbastanza ridere. Infatti, è un partito allo sbando, senza una linea. Ieri hanno detto che erano all’opposizione e già oggi dicono di essere disponibili a prendere in considerazione qualunque cosa che verrà detta da Mattarella. È evidente che siamo alla baraonda totale. E’ un manicomio il Pd ormai”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni 2018, Salvini tratterà con gli altri partiti per le presidenze delle Camere. Ma nel centrodestra divergenze sul governo

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Scanzi: “M5s e Lega? Non hanno l’obbligo di governare insieme. Hanno due cose in comune e otto no”

next