Giorno di elezioni, tutto pronto per la maratona Mentana. Sui social se ne parla già tanto e d’altra parte la direttona del direttore del TgLa7 è un vero e proprio happening del tubo catodico, occasione imperdibile che riduce la serata degli Oscar a “eventuccio” di secondo piano. Pubblico affezionato, quello del Mitraglia: in tanti pregustano l’attesa e la felicità di ritrovare le solite facce di sempre, pur in un eventuale sgomento da risultati elettorali: “Se devo sapere di una tragedia, preferisco saperla dalla Sardoni”, si legge in un tweet.

Perché Alessandra Sardoni, Paolo Celata e gli altri inviati del TgLa7 sono ormai un’istituzione. E qui arriva “il feral colpo”: a dare gli exit poll questa volta non ci sarà l’abbronzatissimo Fabrizio Masia. Il sondaggista di Emg è passato in Rai e al suo posto arriva Alessandra Dragotto, direttrice di ricerca di Sgw. “Spero che lei non si commuova, ma per almeno un po’ questa è l’ultima volta che ci vediamo. Per lei è una cosa fausta perché ha vinto una gara d’asta per una grande assegnazione sui sondaggi però questo vuol dire che per un po’ non possiamo stare insieme. A partire proprio dalla sera del 4 marzo e per questo stiamo organizzando dei casting tra i vari personaggi di Beautiful per sostituirla, ma non ci sarà lei. Smorziamo così la commozione per questo arrivederci, non un addio. Grazie, intanto, per quello che è stato in questi lunedì”, aveva commentato Mentana in diretta nel dare la notizia di questo inatteso “arrivederci”.